Nuovo appello di Di Maio alla Lega: Mi auguro che non perda la testa

Luigi Di Maio lancia un nuovo appello alla Lega: “Mi auguro che non perdano la testa. Noi siamo pagati per costruire un futuro al Paese”.

ROMA – Non si fermano i botta e risposta tra Lega e M5s sui social. Attraverso la propria pagina Facebook il leader dei pentastellati, Luigi Di Maio, lancia un nuovo appello alla Lega: “Mi auguro che dopo il caso Siri non perdano la testa. Capisco le loro difficoltà visto che un loro sottosegretario dopo neanche 10 mesi di legislatura è stato indagato per corruzione in un’inchiesta di mafia ma non piacciono certi atteggiamenti“.

Noi – precisa il ministro – siamo pagati per costruire un futuro al Paese e non per lamentarci. Le provocazioni negli ultimi giorni sono state tante ma ci siamo resi disponibili ad andare avanti per altri quattro anni“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio (fonte foto: https://www.facebook.com/LuigiDiMaio)

Di Maio elogia Conte: “Senza urlare e senza sbraitare abbiamo risolto la questione migranti”

Nel lungo post c’è anche spazio per la questione migranti: “Senza urlare e senza sbraitare – riferisce il vicepremier – in poche ore siamo riusciti a salvare la vita a quelle persone e a fare in modo che ad occuparsene non fosse nuovamente solo l’Italia ma l’intera Europa. Il merito va dato sicuramente al premier Conte“.

Di Maio parla del futuro: “C’è ancora tanto da fare, iniziando dal salario minimo”

Il MoVimento 5 Stelle ha dato il suo benestare a portare avanti la maggioranza ma devono essere rispettati gli accordi presi nei precedenti mesi: “C’è ancora molto da fare – conferma Luigi Di Maio – come la nostra proposta di legge di introdurre un salario minimo in Italia e fissare una soglia di 9 euro lordi l’ora al di sotto della quale non si può scendere. E’ nel contratto di governo e, appunto, si deve fare. Lo stesso vale per una riduzione del cuneo fiscale che permette alle nostre imprese di ripartire“.

ultimo aggiornamento: 10-05-2019

X