Disagi per gli utenti di Poste Italiane. A causa di un problema tecnico le persone non hanno potuto effettuare l’accesso all’app e al sito per consultare il proprio profilo e procedere con le operazioni desiderate.

Giornata di disagi per gli utenti di Poste Italiane, che non hanno potuto effettuare l’accesso sul proprio profilo. Il sito e l’app di Poste italiane infatti sono down e non è stato possibile effettuare alcuna operazione online.

Poste Italiane. sito e app down: impossibile accedere a Bancoposta e PostePay

Nella mattinata del 15 novembre centinaia di persone hanno segnalati il malfunzionamento (o meglio in non funzionamento) del sito e dell’app di Poste italiane

Per gli utenti è stato impossibile controllare il proprio saldo o procedere con pagamenti online. Il problema è infatti legato che centinaia di persone, stando alle segnalazioni intercettate sulla rete, non sono riuscite ad accedere al proprio profilo. Di fronte ai ripetuti e in alcuni casi disperati tentativi di accesso gli utenti hanno dovuto fare i conti con messaggi come 500 o GC01. Nessuna indicazione utile quindi. Almeno per gli utenti finali.

Si registrano inoltre casi di utenti che hanno segnalato problemi a ritirare soldi dagli sportelli Bancoposta. E inevitabilmente la frustrazione ha trovato sfogo sui social, dove in pochi minuti si sono moltiplicati.

App payback
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/iphone-smartphone-apps-apple-inc-410324/

Le possibili cause del problema

I tecnici si sono messi subito al lavoro nel tentativo di risolvere il problema nel minor tempo possibile. Consultando il servizio di assistenza social si apprende che il problema potrebbe essere stato causato da alcune novità tecniche in aggiornamento.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza posteitaliane postepay

ultimo aggiornamento: 15-11-2019


Emanuele Filiberto: “Ho il dovere di annunciare il ritorno della Famiglia Reale”. Ma è uno spot

Ilaria Cucchi pronta a querelare Salvini: “Ha perso una buona occasione per tacere”