Una famiglia originaria di Cuneo, in visita a Pozzuoli, è stata derubata di soldi e documenti. Il sindaco è intervenuto in aiuto.

POZZUOLI – Una famiglia piemontese, padre, madre e figlio 13enne è stata derubata durante la visita della Solfatara, il vulcano flegreo nei pressi del popoloso comune dell’area metropolitana di Napoli.

Furto di soldi e documenti

La famiglia, originaria di Cuneo, stava partecipando ad un tour della città flegrea accompagnata da una guida. I tre, presi dallo scattare foto e video, hanno dimenticato lo zaino che custodiva documenti, carte di credito e soldi su un muretto. Sebbene se ne siano accorti dopo pochi minuti, sopraggiunti rapidamente sul luogo, hanno dovuto constatare che lo zaino era stato abbandonato pochi metri più avanti in un cespuglio, completamente svuotato.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

L’intervento del sindaco di Pozzuoli

Le autorità locali si sono immediatamente attivate per ritrovare quantomeno i documenti dei malcapitati turisti. Sui social è stato lanciato l’appello: tra i documenti rubati, i titoli di viaggio per il ritorno a Cuneo. Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, e l’assessore al Turismo, informati dell’accaduto, hanno deciso di cercare di rendere meno difficoltosa la situazione, ospitando i tre turisti per pranzo.

https://www.youtube.com/watch?v=cr3j8Rk7_nk

Il furto a casa Allan

Pochi mesi fa, alcuni malviventi si erano introdotti nella casa del calciatore brasiliano del Napoli, a Pozzuoli. Per fortuna, non c’era nessuno nell’appartamento ma la moglie di Allan si è detta terrorizzata: “Gente che entra nascosta in casa nostra in pieno giorno, poi mettendo caos sporcando tutto nella stanza dei bambini, la nostra intimità violata…“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca nera furto Pozzuoli sindaco Solfatara

ultimo aggiornamento: 03-08-2020


25enne muore a Lido di Camaiore per un mix di alcol e droga. Grave il padre

3 agosto 1492, Cristoforo Colombo parte e… scopre l’America