Il 42enne si trovava con il nipote di sei anni quando è stato avvicinato da due uomini in moto che hanno aperto il fuoco da distanza ravvicinata.

Agguato a San Severo, dove un uomo di 42 anni, un pregiudicato, è stato ucciso in un agguato durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia. È in gravissime condizioni in nipote di sei anni che si trovava con la vittima.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Pregiudicato ucciso in un agguato durante i festeggiamenti per la vittoria dell’Italia a San Severo. Gravissimo il nipote di appena sei anni

Stando alle prime ricostruzioni, il pregiudicato stava festeggiando in strada la vittoria dell’Italia. Si trovava con suo nipote di appena sei anni. I due, che erano in scooter, sono stati avvicinati da due persone in sella ad una moto. I due sicari indossavano il casco integrale. I killer hanno aperto il fuoco da distanza ravvicinata. Matteo Anastasio è morto poco dopo il ricovero in ospedale mentre il bambino è ricoverato in gravissime condizioni.

Carabinieri
Carabinieri

Le ipotesi degli inquirenti: un regolamento di conti nel mondo della criminalità. Indagini in corso

Secondo gli inquirenti potrebbe essersi trattato di un regolamento di conti. La vittima infatti era nota alle forze dell’ordine. Non solo. Nel 2017 il fratello di Matteo Anastasio è stato ucciso. Sul luogo dell’agguato sono stati rinvenuti tre bossoli che potrebbero portare ad individuare l’arma con la quale sono stati esplosi i colpi. Gli investigatori potrebbero visionare i filmati delle telecamere di sorveglianza installate nella zona per ricostruire gli spostamenti dei sicari e risalire quindi alla loro identità.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 12-07-2021


Europei e Covid, piazze gremite e tifosi in delirio: si teme una nuova ondata

Recuperato un corpo in acqua a Venezia, forse morto durante i festeggiamenti