Prescrizione, scontro tra Bonafede e Matteo Renzi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Prescrizione, Bonafede contro Iv. Renzi: “Non siamo al governo per diventare grillini”

Matteo Renzi

Scontro sulla prescrizione, Bonafede: “Prendo atto che Italia Viva si è isolata dalla maggioranza”. Matteo Renzi: “Abbiamo fatto un governo per mandare a casa Salvini, non per diventare grillini”.

Intervenuto ai microfoni di Circo Massimo, il Guardasigilli Bonafede ha commentato la presa di posizione di Italia Viva, che in Commissione ha votato contro il governo sostenendo, insieme con Lega, Fi e Fdi, la proposta del forzista Costa.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Matteo Renzi
Roma 13/08/2019 – conferenza stampa Matteo Renzi / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Renzi

Prescrizione, Bonafede contro Italia Viva: “Si è isolata dalla maggioranza votando insieme a Forza Italia e alle opposizioni”

Prendo atto che Italia Viva si è isolata dalla maggioranza votando insieme a Forza Italia e alle opposizioni“, ha dichiarato Bonafede.

“La proposta che voleva abolire la prescrizione non è passata, abbiamo bloccato Fi e il centro destra […]. A parte Italia Viva vedo una maggioranza che ha deciso di andare avanti, con un Pd molto compatto”.

Alfonso Bonafede
fonte foto https://www.facebook.com/Alfonso.Bonafede.M5S/

Matteo Renzi, “Non abbiamo rotto la maggioranza, Abbiamo fatto un governo per mandare a casa Salvini”

La risposta di Matteo Renzi arriva dalla pagina Fb del leader di Italia Viva. Il senatore ha difeso la posizione assunta dai suoi senza risparmiare attacchi alla Lega e al Movimento 5 Stelle.

I titoli di oggi sono fantastici: Renzi spacca la maggioranza. Guardiamo i fatti: c’era una legge sulla prescrizione voluta dal Pd e dal ministro Orlando. Poi sono arrivati i populisti gialli-verdi e con i voti leghisti e grillini hanno cambiato la legge eliminando la prescrizione e rendendo i cittadini imputati a vita. Un obbrobrio giuridico. Noi ieri abbiamo votato per ripristinare la legge dei nostri Governi, cancellando le misure giustizialista e populiste. Mi dispiace solo che il Pd abbia scelto di seguire i grillini anche su questo, andando purtroppo a rimorchio dei Cinque Stelle. Non abbiamo rotto la maggioranza, abbiamo solo difeso lo stato di diritto. Continueremo a farlo, anche senza il permesso dei populisti: populisti nuovi e populisti vecchi. Abbiamo fatto un governo insieme per mandare a casa Salvini, non per diventare grillini”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2020 15:28

M5s, Luigi Di Marzio passa al Misto. Al Senato numeri a rischio

nl pixel