Maurizio Landini al presidio della Cgil dopo la manifestazione No Green Pass: “Da sciogliere i movimenti fascisti”.

ROMA – Maurizio Landini al presidio della Cgil dopo la manifestazione No Green Pass a Roma. Il segretario della Cgil nel suo intervento, riportato da La Repubblica, ha precisato che “se qualcuno ha pensato di intimidirci, di metterci paura, di farci stare zitti, deve sapere che la Cgil e il movimento dei lavoratori sono quelli che hanno sconfitto il fascismo in Paese e hanno riconquistato la democrazia […]“.

Tutte quelle formazioni – ha aggiunto – che si richiamano al fascismo vanno sciolte e questo è il momento di dirlo con chiarezza […]“.

Landini: “Il 16 ottobre una manifestazione democratica”

Il segretario della Cgil ha detto di voler “lanciare una mobilitazione democratica in tutto il Paese che apra le sedi, risponda ai problemi e non strumentalizzi il disagio. Noi non abbiamo paura e voglio ringraziare la Cisl e la Uil. Sabato 16 saremo in piazza a Roma con tutte le forze sane e democratiche del Paese. Vogliamo ricostruire l’Italia rimettendo al centro il lavoro della dignità della persona […]“.

L’assedio di ieri – ha aggiunto – è stata una ferita democratica, un atto di offesa alla Costituzione nata dalla Resistenza, un atto che ha violentato il mondo del lavoro e dei suoi diritti […]“.

Maurizio Landini
Maurizio Landini

Presenti Zingaretti e Gualtieri

Al presidio della Cgil hanno preso parte anche personalità politiche. Presenti Nicola Zingaretti, Ettore Rosato, Roberto Gualtieri, Teresa Bellanova, Nicola Fratoianni, Pier Ferdinando Casini, Arturo Scotto e Gianfranco Pagliaruolo. Il leader di Iv Matteo Renzi, invece, ha preso parte alla manifestazione davanti alla sede del sindacato di Firenze.

Una dimostrazione che, come sottolineato dallo stesso Landini, continuerà il prossimo 16 ottobre a Roma. Un sabato che si preannuncia ancora una volta ricco di tensione nella Capitale e nel resto d’Italia.

ultimo aggiornamento: 10-10-2021


Mattarella: “Il luogo di lavoro deve essere il posto da cui si torna sempre”

Quanto guadagnano i Me Contro Te