Torna alla ribalta la discussione sul Mes: Pd e Italia Viva in pressing sul premier Conte (e sul Movimento 5 stelle).

Conte sperava di avere più tempo a disposizione, invece la sensazione è che la partita sul Mes vada affrontata e chiusa presto. Magari non nell’immediato, quando il premier dovrà comunicare come saranno gestiti i soldi del recovery fund, ma gettate le basi del rilancio bisognerà dare una risposta a Pd e Italia Viva che continuano a spingere per l’attivazione del Mes.

Pressing su Conte per l’attivazione del Mes

Il messaggio trasmesso dal ministro Gualtieri in occasione dell’ultimo Consiglio dei Ministri, stando a quanto riferito dal Sole 24 Ore che fa riferimento a fonti affidabili, sarebbe stato abbastanza chiaro. Servono soldi nel minor tempo possibile. Stiamo ovviamente riassumendo in maniera un po’ drastica quello che è un pensiero decisamente più articolato.

Il Recovery fund è una grande vittoria ma ha un problema da non sottovalutare. Quello dei tempi lunghi. Il Mes rappresenterebbe quindi la via più rapida per far respirare le casse dello Stato, messe a dura prova dai provvedimenti adottati in questi mesi. Il Mes sarebbe inoltre utile ad ammortizzare il nuovo scostamento di bilancio.

Il pensiero di Gualtieri, riportato da il Sole 24 Ore, ricalca in qualche modo quanto detto nei giorni scorsi dal Ministro Speranza, che sta corteggiando i soldi del Mes, che gli consentirebbero di riformare e migliorare il sistema sanitario nazionale. Speranza e Gualtieri ipotizzano quindi un uso differente dello stesso strumento.

Anche Italia Viva, e non è un mistero, guarda di buon occhio al Mese spinge per la richiesta di attivazione. Al fronte di maggioranza si aggiunge Forza Italia, che potrebbe giocare una partita decisiva.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Il Movimento 5 Stelle contrario

Il grande ostacolo infatti è rappresentato dal Movimento 5 Stelle, fermamente contrario al Mes, come dimostrato anche dalle votazioni in Europa.

Gentiloni, “Le erogazioni del Recovery inizieranno nella seconda parte del 2021”

Intervenuto ai microfoni de la Repubblica, anche Paolo Gentiloni è tornato a mandare un messaggio al governo italiano consigliando il ricorso al Mes.

“Le erogazioni del Recovery inizieranno nella seconda parte del 2021 ad eccezione di un 10% che verrà anticipato con l’approvazione del Piano. Prima dobbiamo aspettare il percorso di ratifica dei parlamenti, quindi dovremo riuscire a rispettare il calendario con l’approvazione dei Piani di riforme dei singoli paesi entro aprile e andare sui mercati con titoli europei comuni. C’è una terza sfida decisiva, anche se successiva: dovremo essere in grado di approvare nuove risorse proprie dell’Unione, come la digital tax e la tassa sulle emissioni di CO2, per rimborsare il debito comune tra il 2026 e il 2056. In caso contrario, i singoli paesi si ritroveranno a dover restituire i soldi perché l’Europa non è stata capace di rimborsare il debito comune.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza Mes politica

ultimo aggiornamento: 24-07-2020


Recovery fund, chi li gestisce i 209 miliardi? C’è il rischio dell’ennesima task force

La rincorsa ai soldi del Recovery fund. Tutte le tappe per l’assegnazione dei fondi