Pressioni e minacce di Donald Trump per ribaltare il voto in Georgia. L’indiscrezione del Washington Post.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Donald Trump avrebbe fatto pressioni e minacce per ribaltare il voto in Georgia. A riferirlo è stato il Washington Post che svela di essere in possesso di un audio tra il presidente uscente americano e il segretario dello Stato.

In particolare, l’ex tycoon avrebbe chiesto 11.780 preferenze e avrebbe spinto il segretario a dichiarare le elezioni truccate. In caso contrario il Segretario avrebbe rischiato l’incriminazione. Una versione non confermata da Donald Trump che si prepara nelle prossime settimane a lasciare la Casa Bianca.

Voto in Georgia, la telefonata di Trump al Segretario di Stato

Non ci sono dubbi sul fatto che la telefonata di Trump rischia di imbarazzare il presidente uscente nel caso in cui fosse effettivamente confermata. The Donald non ha mai accettato la sconfitta e ha avviato una battaglia legale che però ha confermato la vittoria di Joe Biden. La telefonata al Segretario di Stato della Georgia esce però evidentemente dai confini legali della pur dura battaglia elettorale e regala una fotografia non proprio positiva di Donald Trump. Quello che emerge dalla ricostruzione del WP è che Trump abbia chiesto il ricalcolo delle schede per aggiustare l’esito del voto, per trovare la quadra per dichiarare la sconfitta di Biden.

Il ruolo dello Stato della Georgia

Lo Stato della Georgia si prepara ad avere un ruolo fondamentale per il governo Biden. Nella giornata di martedì 5 gennaio 2020 sono in programma i due ballottaggi che decideranno le sorti del Senato per il prossimo biennio.

Un passaggio decisivo per avere la maggioranza in Aula. Un duello che sembra essere all’ultimo voto. Joe Biden spera di riuscire ad ottenere la vittoria per governare con maggiore tranquillità. Un successo di Donald Trump, invece, consentirebbe ai repubblicani di avere la maggioranza in Senato. E in questo caso è alta la probabilità di una battaglia tra le due forze politiche per approvare ogni singolo provvedimento.

Donald Trump
Donald Trump

Joe Biden prepara il suo arrivo alla Casa Bianca

Joe Biden è pronto a sbarcare alla Casa Bianca. Il suo ingresso nella dimora del presidente americano è previsto il 20 gennaio. E alla cerimonia potrebbe non partecipare Donald Trump. Le indiscrezioni dei media americani hanno rivelato l’intenzione dell’ex tycoon di lasciare in anticipo Washington per trasferirsi in Florida dove inizierebbe il suo cammino per Usa 2024.

Nei prossimi giorni ci potrebbero essere delle conferme in questo senso. Donald Trump non ha nessuna intenzione di abbandonare il suo progetto di candidarsi alle prossime elezioni americane.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 04-01-2021


Scuola, Conte: “Ripartire in presenza il 7 gennaio”

Renzi, “Se le nostre idee non piacciono siamo pronti a lasciare le poltrone”