Prestiti a basso tasso di interesse senza la mediazione di banche e società finanziarie

Il prestito personale tra privati avviene tramite la rete grazie alla mediazione e all’assistenza di agenzie specializzate.

Cos’è il Social Lending

Affermatosi da più di 10 anni, soprattutto nell’Europa Settentrionale, il Social Lending è a tutti gli effetti un prestito personale non finalizzato erogato da un privato (o più privati) a favore di un richiedente (a sua volta persona fisica).

A gestire i rapporti tra richiedenti e prestatori sono le Agenzie di Social Lending che funzionano come punti di incontro virtuali tra persone che hanno necessità di chiedere denaro in prestito e persone disposte a erogare tale prestito.

Le agenzie operano accurati controlli sui richiedenti, a cui viene richiesto di fornire una documentazione adeguata in merito alla propria storia finanziaria. Ad ogni richiedente viene associato un rating, ovvero un indice di affidabilità che è inversamente proporzionale agli interessi che il richiedente pagherà sulla somma chiesta in prestito. In pratica più alto è il rating (ovvero maggiori sono le garanzie offerte da un richiedente), minore è il tasso di interesse che gli viene chiesto di pagare sula somma richiesta.

Come avviene nei fatti il prestito personale tra privati

E’ innanzitutto necessario che un richiedente o un prestatore si iscriva a una delle molte piattaforme di Social Lending e che indichino la somma che si intende chiedere in prestito (nel caso di un richiedente) e quella che si è disposti a dare in prestito (nel caso di un prestatore).

Una volta determinata l’affidabilità di un richiedente, e calcolato il tasso di interesse che sarà tenuto a pagare, l’agenzia seleziona una rosa di prestatori: non è mai infatti un singolo prestatore a fornire denaro a un singolo richiedente, per ridurre al minimo i rischi dell’operazione.

La piattaforma preleverà una percentuale della somma richiesta in prestito dal denaro messo a disposizione da ogni prestatore e la verserà sul conto corrente del richiedente. Il richiedente a sua volta ogni mese verserà la rata finalizzata alla restituzione del prestito (compresi gli interessi) sul conto dell’agenzia di social lending. L’agenzia provvederà di mese in mese a ripartire la rata tra tutti coloro che effettivamente hanno prestato denaro a quel richiedente.

Le agenzie richiedono una commissione al richiedente, nel momento in cui ottiene il prestito, e ai vari prestatori.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 07-04-2017


Il prestito INPDAP: dal 2012 è passato tra i servizi assicurati dall’INPS

Calcolare la rata di un prestito personale per fare scelte oculate ed evitare truffe