Il presunto killer di Niccolò Ciatti è stato consegnato all’Italia dalla Germania. Il comunicato della Farnesina.

ROMA – Il presunto killer di Niccolò Ciatti è stato consegnato all’Italia dalla Germania. Come comunicato dalla Farnesina, Berlino ha dato il via libera all’estradizione di Rassoul Bissoultanov, accusato di aver ucciso il giovane toscano in Spagna nel 2017.

Nei prossimi mesi nei suoi confronti dovrebbe iniziare il processo per la morte del ragazzo morto il 13 agosto 2017 a Lloret de Mar. Le indagini, comunque, proseguiranno per cercare di chiarire meglio le altre persone coinvolte in questo omicidio.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

La nota della Farnesina

A comunicare l’estradizione è stata il ministero degli Esteri. “La Farnesina esprime grande soddisfazione – si legge nella nota riportata da RaiNews per la decisione delle Autorità giudiziarie tedesche in merito alla consegna alle Autorità italiane del cittadino russo di origine cecena, Rassoul Bissoultanov, ritenuto responsabile del brutale assassinio del giovane connazionale Niccolò Ciatti, avvenuto il 13 agosto 2017 in Spagna“.

I costanti contatti con Berlino e Madrid – hanno precisato dal Dicastero – hanno consentito di conseguire questo importante risultato, fondamentale per evitare l’accusato possa sottrarsi dalla giustizia“. Possibile, quindi, un processo nei prossimi mesi nei confronti del presunto responsabile della morte del ragazzo italiano durante una vacanza in Spagna.

Tribunale Corte Costituzionale
Tribunale

La morte di Niccolò Ciatti

Il delitto di Niccolò Ciatti è avvenuto il 13 agosto 2017 in Spagna. Secondo le ultime informazioni confermate anche dai testimoni, il giovane italiano, in vacanza insieme ad alcuni amici a Lloret de Mar, è stato aggredito a calci e pugni dai tre ceceni.

Per lui non c’è stato niente da fare nonostante il disperato tentativo dei medici. Le indagini hanno portato alla scoperta dei responsabili di questo omicidio. E il presunto killer nei prossimi giorni è atteso in Italia per sottoporsi al processo per la morte del nostro connazionale.

ultimo aggiornamento: 07-10-2021


Vaccino Covid, l’efficacia cala con il tempo nei più fragili

Terremoto in Pakistan, almeno 20 morti e 300 feriti