Il rapporto di Confcommercio sui saldi: “Possibile una spesa inferiore di 1 miliardo rispetto al 2019”.

ROMA – Alla vigilia dell’inizio dei saldi è stato pubblicato il rapporto di Confcommercio. Secondo l’Ufficio Studi dell’ente, l’emergenza coronavirus porterà gli italiani a spendere 1 miliardo in meno rispetto al 2019. Lo scorso anno erano stati sborsati 5 miliardi, mentre ora ne dovrebbero essere spesi 4.

Una previsioni che potrebbe essere rivista con il via agli sconti. In molte regioni, infatti, l’inizio coincide con la zona rossa e non si esclude la possibilità di un rinvio.

Quanto durano i saldi

Per l’emergenza coronavirus alcune regioni hanno deciso di far durare i saldi anche due mesi. E’ alto il rischio di un cambio di colore nelle prossime settimane e per questo si è preferito allungare il periodo. Una scelta che potrebbe consentire alle attività commerciali di recuperare, in parte, quanto perso nel periodo natalizio.

In altre, invece, si è deciso di rispettare il mese di sconti. Ma non si esclude, in caso di nuove restrizioni, la possibilità di allungare il periodo. Come in tutte le attività, anche i saldi saranno condizionati dalla pandemia e dalle possibili misure più dure per contrastare un eventuale aumento dei contagi nel nostro Paese.

Coronavirus negozi
Coronavirus negozio

Saldi, il punto regione per regione

Di seguito il punto regione per regione dei saldi. Il via in alcune zone è previsto dal 2 genaio.

Sabato 2 gennaio

I saldi dovrebbero iniziare il 2 gennaio in 5 regioni. Si sta valutando la possibilità di un rinvio per non dare il via in zona rossa.

Basilicata
Campania
Molise
Sicilia
Valle d’Aosta

Martedì 5 gennaio

Il 5 gennaio è il giorno fissato in Abruzzo, Puglia, Sardegna e Umbria, ma non si esclude uno slittamento per consentire di iniziare in zona gialla.

Abruzzo
Puglia
Sardegna
Umbria

Giovedì 7 gennaio

I saldi entrano nel vivo il 7 gennaio. Sono quattro le regioni che, al momento, hanno deciso di dare il via agli sconti.

Calabria
Friuli Venezia Giulia
Lombardia
Piemonte

Martedì 12 gennaio

Rigore e precauzione nel Lazio. La regione della Capitale è l’unica a dare il via ai saldi il 12 gennaio.

Lazio

Sabato 16 gennaio

Si prosegue il 16 gennaio si prosegue con una regione e una Provincia Autonoma. Da precisare che a Bolzano iniziano i saldi per i comuni non turistici.

Marche
Bolzano

Venerdì 29 gennaio

Il via dei saldi continua il 29 gennaio con una sola regione, una delle ultime a non far iniziare gli sconti in precedenza.

Liguria

Sabato 30 gennaio

Sabato 30 gennaio inizieranno gli sconti in tre regioni, le ultime del primo mese del 2021.

Emilia Romagna
Toscana
Veneto

Sabato 13 febbraio

A chiudere il lungo elenco è la Provincia autonoma di Bolzano nei Comuni turistici.

Provincia autonoma di Trento

Manca nell’elenco la Provincia autonoma di Trento, dove i saldi non hanno limiti. Le decisioni saranno prese dai commercianti.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
confcommercio economia saldi

ultimo aggiornamento: 02-01-2021


Ernesto Gismondi morto, il fondatore di Artemide aveva 89 anni

Cashback, cosa cambia dal 1 gennaio