Milano, aboliti i biglietti ‘di solidarietà’ in occasione della prima alla Scala. Il sindaco Beppe Sala: “Abbiamo l’obiettivo di tenere i conti in ordine”

Il Comune di Milano ha annunciato una svolta rilevante per quanto riguarda la prima rappresentazione stagionale alla Scala. Per quanto riguarda il 2018 è infatti stata abolita la vendita di biglietti (sessanta) il cui ricavato era devoluto per finanziare progetti sociali o solidali. Ad inaugurare la nuova stagione teatrale sarà, il 7 dicembre, l’Attila di Verdi.

Milano, niente biglietti solidali per la prima alla Scala. Beppe Sala: “L’obiettivo è quello di tenere i conti in ordine”

La vendita dei biglietti solidali era iniziata nel 2011, quando si decise che l’incasso dei sessanta biglietti destinati ai consiglieri e agli assessori del Comune di Milano sarebbe stato devoluto in opere sociali e/o di beneficenza.

Il sindaco di Milano Beppe Sala ha motivato la scelta – che ha fatto discutere e non poco – facendo sapere che almeno per il 2018 la solidarietà deve cedere il passo alla solidità del teatro per scongiurare ogni rischio di bancarotta. “Abbiamo rinunciato a quei biglietti, la vendita solidale quest’anno non ci sarà, perchè abbiamo l’obiettivo di tenere i conti in ordine“, ha fatto sapere il primo cittadino di Milano come riportato da La Repubblica.

Giuseppe Sala Inter-Milan
Giuseppe Sala, sindaco di Milano

Incassi a picco ma il bilancio del 2018 non sarà in passivo

La scelta riflette senza dubbio il difficile momento dell’arte. Le nuove frontiere tecnologiche e il tenore di vita decisamente più basso che hanno spinto moltissimi cittadini ad accantonare la passione per le belle arti. Un circolo vizioso che presenta il suo conto anche a uno dei teatri più importanti del mondo.

Il sindaco Sala ho voluto comunque tranquillizzare tutti facendo sapere che anche per il 2018 La Scala non chiuderà la stagione con i conti in rosso. Probabilmente non ci saranno guadagni e ci si dovrà accontentare di un pari in bilancio, legato anche e soprattutto a un calo degli incassi al botteghino.

I dubbi delle opposizioni

La questione ha ovviamente scatenato il dibattito pubblico e politico. Il dubbio principale è legato a chi provvederà a finanziare quei progetti benefici che trovavano gran parte delle risorse proprio dalle donazioni dei fondi provenienti dalla prima rappresentazione stagionale alla Scala di Milano.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Torino, ragazzi con sindrome di Down cacciati da una pizzeria

Catania, mamma uccide il figlio di tre mesi lanciandolo a terra