Primarie Pd, Martina, Zingaretti e Giachetti a confronto a pochi giorni dal voto che eleggerà il segretario del Partito democratico.

Si svolge negli studi di Sky l’unico confronto tra Martina, Zingaretti e Giachetti, candidati alle primarie del Partito democratico.

Primarie Pd, il confronto tra Martina, Giachetti e Zingaretti

Stesso tema di domanda e stesso tempo a disposizione per rispondere con quattro possibilità di replica. Queste le regole del confronto.

Le aspettative per le europee e per le primarie

Giachetti: “Mi auguro che alle primarie partecipino tante persone che seguono e condividono il Partito democratico. Non mi aspetto nessun numero per le europee e per le primarie“.

Martina: “Penso che siano le condizioni perché alle prossime elezioni europee ci sia più del 20%. Ho negli occhi lo sforzo di tanti ragazzi che hanno realizzato una bellissima pagina di partecipazione per questo paese. Mi aspetto una grande partecipazione. Verrete stupiti tutti dalla partecipazione“.

Zingaretti: “Dobbiamo arrivare almeno al milione di elettori. Questo governo non ce la fa, manca un’alternativa e questa alternativa può essere il Pd anche se è malato in questo momento“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Roberto Giachetti
Roma 10/06/2016 – confronto candidati sindaco / foto Insidefoto/Image nella foto: Roberto Giachetti ONLY ITALY

Alleanza con Movimento Cinque Stelle, Forza Italia e sinistra

Maurizio Martina: “Escludo alleanze con Movimento Cinque Stelle e Forza Italia. Per quanto riguarda la sinistra pensarsi maggioritari è un obiettivo del Partito democratico, aperto a lavorare con chi condivide questa sfida“.

Zingaretti: No a Movimento Cinque Stelle e no alla destra con Lega e Forza Italia. Sì ad alleanze con le persone. Il popolo della sinistra c’è ma è frammentato, dobbiamo unirlo“.

Giachetti: “Con le unioni magari si vincevano le elezioni però non si governava. Io non voglio tornare a quello, voglio andare avanti, offrire al paese una proposta univoca“.

Maurizio Martina
Maurizio Martina

Maurizio Martina: Basta con renziani e anti-renziani. Il confronto tra i candidati alle primarie del Pd

Su Matteo Renzi

Zingaretti: “Ho un ottimo rapporto con lui, non l’ho mai votato ma l’ho sempre rispettato. Mi auguro che non ci manchi, il Pd che vorrei è n luogo di confronto e abbiamo bisogno di tutti e di tutte. Se Matteo vuole portare il suo contributo sono contento. il problema si chiama Salvini“.

Giachetti: “A me Renzi non manca perché fa parte del Partito democratico ed è uomo di punta dell’opposizione. Nel nostro partito quando uno perde perde da solo, quando uno vince vincono tutti“.

Martina:Anche lui vuole combattere la destra. Basta con renziani e anti-renziani, voglio democratici. Voglio discutere anche dei limiti ma non chiedo passi indietro, chiedo passi in avanti“.

Matteo Renzi
Roma 12/09/2018 – Senato informativa sulla Nave Diciotti /foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Renzi

Sui genitori di Matteo Renzi

Giachetti: “La giustizia in questo paese è malata. Lo penso per Berlusconi, per la Raggi. Il fatto che colpisca nomi illustri mette in ombra il fatto che gente comune soffre per le cose che non vanno“.

Martina: “Massimo rispetto per la situazione di Matteo Renzi. Grande rispetto per la giustizia ma ricerca di un equilibrio nuovo perché ci sono problemi enormi in questo paese, come aspettare troppo per i processi“.

Zingaretti: “Non credo nella giustizia a orologeria ma penso che le persone vadano difese dai processi mediatici. L’accusa non è una condanna“.

Su Matteo Salvini

Martina:Noi dobbiamo essere consapevoli che su immigrazione e sicurezza si gioca una partita importante. Dobbiamo dimostrare che c’è un’altra via per la sicurezza e per la migrazione. Non abbiamo bisogno di più pistole, abbiamo bisogno di governare i flussi e regolarizzare le persone“.

Zingaretti: “Abbiamo tirato fuori il paese dalla crisi ma non abbiamo visto le disuguaglianze e la solitudine delle persone. La Lega sta dando la risposta peggiore su questi temi”.

Giachetti: “L’emergenza l’abbiamo avuta e gestita come Minniti, però penso che dobbiamo fare un passo in avanti. Dobbiamo fare passi avanti sull’integrazione“.

Migranti
fonte foto https://twitter.com/openarms_fund

Zingaretti: La Lega sta dando risposte sbagliate all’immigrazione. Martina: No al Far West. Giachetti: Bene con Minniti, ora andare avanti

Sul tema del lavoro e Reddito di cittadinanza

Zingaretti: “Il reddito di inclusione del Pd era migliore. Io non sono per l’abolizione ad ogni nuova legge. Il tema è quello degli investimenti, altrimenti il reddito di cittadinanza diventa reddito di sudditanza“.

Giachetti: “È una polpetta avvelenata messa in campagna elettorale, vediamo se si farà. Userei i soldi migliorare il reddito di inclusione e migliorare il mercato del lavoro“.

Martina:Cambierei il reddito di cittadinanza, amplierei quello di inclusione. Bisogna fare il salario minimo legale il questo paese“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Sulla manovra economica

Giachetti: “Il raddoppio delle clausole di salvaguardia è una ghigliottina sulla testa del paese. Non sentiamo più parlare di spending review“.

Martina: “La situazione è drammatica, il governo ci sta portando verso una tempesta perfetta. Bisogna recuperare il nero, bisogna partire da lì“.

Zingaretti: “Chi sta al governo deve spendere i soldi che già ci sono, circa 140 miliardi. La propaganda che stanno facendo dimentica le cose utili“.

Martina, Giachetti e Zingaretti: No all’intervento armato in Venezuela

Sulla crisi in Venezuela:

Martina:Sto con l’Europa, bisogna collaborare con la massima serietà. Vergogna per questo governo che ha balbettato qualcosa e si è voltato dall’altra parte. Dobbiamo contribuire a rafforzare la sicurezza ed evitare un intervento armato“.

Zingaretti:Bisogna spingere e lavorare per evitare un intervento armato“.

Giachetti:La decisione del governo rompe l’unità del fronte europeo sostenendo un dittatore che ha truccato le elezioni per vincere”.

Juan Guaido
fonte foto https://twitter.com/jguaido

La lettera di Formigoni a ‘Tempi’: ringrazio tutte le persone per il sostegno

La proposta di Matteo Salvini: riaprire le case chiuse