In Italia identificati i primi due casi di influenza. Attesi nel nostro Paese dai 4 ai 6 milioni di ammalati.

ROMA – In Italia identificati i primi due casi di influenza. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, che cita l’Istituto Superiore di sanità, il virus è stato individuato a Varese e a Torino. Sono in corso tutte le verifiche del caso e il consiglio è sempre il solito: vaccinarsi.

La vaccinazione antinfluenzale – è stato precisato dall’Iss – è il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e ridurne le complicanze e il periodo più indicato resta quello autunnale a partire dal mese di ottobre“.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Pregliasco: “Ci attendiamo dai 4 ai 6 milioni di casi”

L’influenza è pronta a partire nel nostro Paese e i numeri previsti sono molto più alti rispetto a quelli dello scorso anno. “Siamo di fronte ai primi casi sporadici classicamente pre-stagionali – ha ricordato il virologo Pregliasco – nei tempi classici per una stagione che potrebbe essere vivace ma non troppo coinvolgendo dai 4 ai 6 milioni di persone. Vedremo considerando oltretutto anche la sfida della variante Delta, che assomiglia sempre di più all’influenza. C’è il rischio di avere una doppia epidemia […]. Rispetto al 2020 il tutto sarà molto diverso visto che c’è una quasi normalità“.

Laboratorio coronavirus
Laboratorio

In Italia alle porte una doppia epidemia

L’Italia si prepara ad affrontare una doppia epidemia. Le misure restrittive per il 2020 hanno consentito di ‘azzerare’ i casi di influenza in Italia. Ora la situazione è cambiata e il ritorno alla normalità consentirà anche di far ripartire il virus nel nostro Paese.

I numeri parlano di circa 4-6 milioni di casi, ma nei prossimi mesi si avranno dei numeri più chiari. L’invito da parte dei medici è quello di restare a casa in attesa di capire se si tratta di influenza oppure di coronavirus.

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


Sospeso il processo per l’omicidio di Giulio Regeni

Omicidio Willy Monteiro, gli inquirenti sui fratelli Bianchi: “Trovati video dove sparano agli animali”. La Corte deciderà se ammettere gli atti