Procedura, c'è la prima apertura dell'Ue nei confronti dell'Italia

Procedura, apertura dell’Ue: “Possibili soluzioni”

Dall’Unione europea arriva la prima apertura sulla procedura: “Con l’Italia sono possibili soluzioni ma servono garanzie per il futuro”.

Procedura di infrazione, arriva la prima apertura dell’Unione europea ne confronti dell’Italia. Dopo le critiche riservate alla lettera inviata dal premier Conte, i Commissari Ue hanno lasciato spazio alla speranza.

Procedura, c’è l’apertura da parte dell’Ue: “Possono essere trovate soluzioni”

Le buone notizie arrivano dall’Ansa, che ha contattato fonti all’interno dei palazzi del potere di Bruxelles. Stando a quanto emerso a Bruxelles inizia a circolare un moderato ottimismo. La Commissione sarebbe infatti disposta a non avviare la procedura di infrazione per debito ma a patto che l’Italia dimostri di poter (e voler) rispettare le regole per il futuro.

“Possono essere trovate delle soluzioni nel dialogo tra la Commissione europea e Roma, ma l’Italia deve dimostrare che rispetterà le regole in futuro”.

Parlamento Europeo
Parlamento Europeo

“Roma si deve rendere conto dell’enorme impatto che la sua economia ha sul resto dell’Unione”

La seconda condizione è che Roma si renda conto del fatto che la sua politica economica ha dei risvolti su tutta la zona euro.

“Ma Roma si deve rendere conto dell’enorme impatto che la sua economia ha sul resto dell’Unione”.

La missione di Conte

Prosegue intanto la missione diplomatica di Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Il capo del governo approfitterà del prossimo G20 e e del Consiglio straordinario europeo per puntellare le alleanze europee completando il processo di distensione con Bruxelles.

La speranza di Conte è che Salvini e Di Maio non riprendano a discutere con l’Europa sulla procedura, evitando o quantomeno limitando le dichiarazioni polemiche.

ultimo aggiornamento: 27-06-2019

X