Dieci agenti del carcere di San Gimignano condannati per tortura e lesioni aggravate. Le pene vanno da 2 anni e 8 mesi a 2 anni e 3 mesi.

SAN GIMIGNANO (SIENA) – Dieci agenti del carcere di San Gimignano, in provincia di Siena, sono stati condannati per tortura e lesioni aggravante per il pestaggio di un detenuto tunisino in cella nell’ottobre 2018.

Le pene, come riportato da La Repubblica, vanno da 2 anni e 8 mesi a 2 anni e 3 mesi. Una sentenza che ha accolto (in parte) la richiesta della Procura di Siena. Il pm Valentina Magrini aveva chiesto condanne a 3 anni per 8 agenti, 2 per un altro e 22 mesi per l’ultimo dei dieci imputati. Possibile un ricorso in appello dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza.

L’aggressione

L’aggressione è avvenuta nell’ottobre 2018. Il detenuto tunisino pensava di andare a fare la doccia, aveva le ciabatte ai piedi e un asciugamano al braccio.

Il 31enne, però, è stato trascinato da una quindicina di agenti per il corridoio del reparto di isolamento, dove è stato picchiato con pugni e calci dagli agenti. Nell’ordinanza di custodia cautelare si legge “trattamento inumato e degradante, di violenza e crudeltà”.

Tribunale
Tribunale

Nessuna denuncia

Il tunisino, però, non ha mai denunciato il pestaggio. Il 31enne ha detto no ad una visita dei medici giustificando il taglio sul sopracciglio con una caduta in cella.

Una versione che non ha mai convinto una operatrice del carcere. La donna ha avuto il coraggio di firmare e inviare una lettera al tribunale di sorveglianza. Missiva che ha fatto partire l’indagine e portare alla condanna di 10 dei 15 indagati. Il processo proseguirà nelle prossime settimane per gli altri agenti iscritti sul registro degli indagati e in Appello in caso di ricorsi dopo le prime condanne. Per quest’ultimo passaggio bisognerà aspettare ancora qualche settimana e la pubblicazione delle motivazioni che hanno portato alla sentenza.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Torino, tumore al rene asportato dal robot su paziente sveglia: prima volta nel mondo

Vaccino AstraZeneca, autorizzato l’uso fino a 65 anni