Banca Popolare di Vicenza, l’ex presidente Gianni Zonin condannato a 6 anni.

VICENZA – L’ex presidente della Banca Popolare di Vicenza Gianni Zonin è stato condannato a 6 anni in primo grado per le irregolarità nella gestione dell’Istituto, dichiarato poco dopo fallito.

La sentenza del Tribunale della città veneta è arrivata nel pomeriggio di venerdì 19 marzo al termine di una camera di consiglio di due ore. La richiesta avanzata dalla Procura era di 10 anni. Dopo due anni di processo e 116 udienze si è deciso di accogliere solo in parte quanto chiesto dai magistrati.

Banca Popolare di Vicenza, le condanne

Un processo che aveva sul banco degli imputati diversi ex dirigenti della Banca Popolare di Vicenza. La condanna più importante riguarda sicuramente l’ex presidente Gianni Zonin. Il manager dovrà scontare una pena di sei anni.

I giudici sono stati molto più duri nei confronti dell’ex vicedirettore generale Emanuele Giustini, condannato a 6 anni e 3 mesi. Sei anni anche per gli altri ex dg Paolo Marin e Andrea Piazzetta. Assolti, invece, l’ex consigliere Giuseppe Zigliotto e l’ex dirigente Massimiliano Pellegrini, perché il fatto non costituisce il reato.

Tribunale
Tribunale

I reati

Il reato contestato all’ex presidente della Banca Popolare di Vicenza riguarda le irregolarità alla gestione dell’Istituto. Agli altri indagati, invece, è stato contestato il reato di falso in prospetto, ostacolo alla vigilanza e aggiotaggio.

Come riportato da La Repubblica, sono stati due lunghi anni di udienze e dibattiti in Aula per arrivare alla sentenza definitiva di primo grado. Nei prossimi giorni saranno pubblicate le motivazioni e molto probabilmente i legali degli imputati presenteranno il ricorso in secondo grado. Una vicenda che ha ancora diverse cose da dire e non si esclude un arrivo fino alla Cassazione per la sentenza definitiva. Sarà il terzo grado, infatti, a decidere se bisognerà rifare un processo oppure se le condanne saranno confermate.


E’ morta Elsa Peretti, designer di gioielli per Tiffany

Tutte le misure del decreto Sostegni