Processo Borsellino, la sentenza della Corte d'Appello
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Processo Borsellino, confermato l’ergastolo per i boss Madonia e Tutino in Cassazione

Processo Borsellino, confermato l’ergastolo per i boss Madonia e Tutino in Cassazione

Processo Borsellino, sentenza Corte d’Appello confermata in Cassazione. Ergastolo per i boss Madonia e Tutino. Prescrizione per Scarantino.

PALERMO – Processo Borselino, la sentenza della Corte di Appello. I giudici di secondo grado hanno confermato le sentenze di primo grado come richiesto dal procuratore generale. 10 anni per Francesco Andriotta e Calogero Pulci, gli esecutori della strage del luglio 1992 mentre i boss Salvino Madonia e Vittorio Tutino dovranno scontare l’ergastolo.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Nessuna condanna, invece, per Vittorio Scarantino. La posizione del falso pentito, infatti, è stata archiviata per prescrizione come avevano fatto anche i giudici di primo grado.

Condanne confermate in Cassazione

I legali hanno depositato il ricorso in Cassazione, ma la Corte Suprema ha confermato le condanne emesse in secondo grado.

Il processo Quarter è iniziato dopo i racconti di Gaspare Spatuzza. Il vero pentito ha smontato la ricostruzione di Scarantino. Quest’ultimo, però, non è stato condannato per prescrizione. Il processo si è ufficialmente concluso visto che non esistono più altri gradi di giudizio. Nelle prossime settimane saranno pubblicate le motivazioni che ha portato i giudici a prendere una decisione simile e molto probabilmente si seguirà la strada intrapresa anche dalla Corte d’Appello. Una conferma di una sentenza che chiude “uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana“.

giustizia aula tribunali
giustizia aula tribunali

Tre poliziotti a processo

I processi sulla morte di Borsellino non finiscono qui. E’ in corso a Caltanissetta un procedimento giudiziario nei confronti di tre poliziotti che sono accusati di aver aiutato Scarantino in questa ricostruzione. Insieme a loro sul registro degli indagati era finito Arnaldo La Barbera, ai tempi capo della Squadra Mobile, ma il militare è deceduto nel 2002.

Inchieste che puntano al cuore dello Stato ma soprattutto che vogliono portare alla luce tutte le falle che sono presenti nel nostro sistema giudiziario ma anche delle forze dell’ordine.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 5 Ottobre 2021 22:24

Inchiesta di Fanpage su FdI, indagata anche la “donna del trolley”

nl pixel