Bus dirottato a Milano, i ragazzi si costituiscono parte civile

Bus dirottato a Milano, i ragazzi si costituiscono parte civile

I ragazzi del bus dirottato a Milano si costituiscono parte civile. L’avvocato di Ramy e Adam: “Ci aspettiamo giustizia”.

MILANO – I ragazzi del bus dirottato a Milano si costituiscono parte civile. La decisione è stata presa dai propri legali che hanno depositato l’istanza alla Corte d’Assise di Milano. Stessa cosa fatta anche dal Comune di Crema solo per il reato d’incendio e la società proprietaria del mezzo, la Autoguidovie. In Aula, in questa prima udienza, era presente anche l’imputato, una ragazzina e alcuni genitori.

Nelle prossime settimane al Tribunale interverranno i testimoni di questa vicenda con i giudici che saranno chiamati a giudicare Ousseynou Sy, il conducente dell’autobus che ha dato fuoco al mezzo. La Procura a breve avanzerà le sue richieste che potrebbero essere l’ergastolo per l’uomo.

Ragazzi del bus dirottato a Milano, gli avvocato di Ramy e Adam: “Ci aspettiamo giustizia”

Nessuna dichiarazione da parte dei legali dei ragazzini. L’unico a parlare degli avvocati è quello di Ramy e Adam che chiede giustizia per quanto successo: “Ci aspettiamo giustizia, secondo noi responsabili anche coloro che hanno messo il mezzo in mano a quest’uomo, per questo chiederemo la citazione come responsabili civili della società Autoguidovie e del Ministero della pubblica istruzione“.

Adam e Ramy
fonte foto https://twitter.com/Damiano_Coletta

La ricostruzione della vicenda

La vicenda risale al 20 marzo 2019 quando l’autista ha preso in ostaggio gli studenti dell’autobus incendiato nei pressi di San Donato Milanese. Decisivo proprio l’intervento di Ramy e Adam che sono riusciti a chiamare la polizia e salvare la vita anche i compagni.

Una vicenda che ha consentito ai due giovani di ottenere la cittadinanza italiana. Ora i ragazzini hanno deciso di costituirsi parte civile nel processo contro Sy. Il processo è iniziato in questi giorni e finirà nelle prossime settimane con i giudici che saranno chiamati ad esprimere la propria sentenza.

fonte foto copertina https://twitter.com/Damiano_Coletta

ultimo aggiornamento: 18-09-2019

X