Aperto il processo al Chievo e al Parma. Andiamo a vedere tutti gli scenari che si potrebbero verificare per le due squadre.

ROMA – Dopo il caso Foggia, altro lavoro per i giudici della Procura Federale che nel tardo pomeriggio di oggi, martedì 17 luglio, dovranno esprimere la sentenza di primo grado sul Chievo e sul Parma. La situazione più grave è sicuramente quella dei clivensi.

La squadra veronese è stata deferita per responsabilità diretta e oggettiva per le note vicende sulle plusvalenze fittizie con il Cesena (i bianconeri sono ufficialmente falliti n.d.r.). Quindici punti di penalizzazione e conseguente retrocessione in Serie B. Questo è la richiesta della Procura Federale per la squadra di Campedelli. La decisione definitiva arriverà solamente settimana prossima. Con questo scenario il Crotone sarebbe riammesso in Serie A.

Chiesti due punti di penalizzazione per il Parma: Serie A a rischio

Due punti di penalizzazione retroattivi, ossia da applicare allo scorso campionato. È questa la richiesta dell’accusa nei confronti del Parma che rischia di veder sfumare il suo ritorno in massima serie dopo il fallimento e la rinascita calcistica. In analisi anche una seconda opzione, ossia sei punti di penalizzazione da scontare la prossima stagione.

Serie A, responsabilità oggettiva per il Parma: Calaiò rischia una lunga squalifica

Una situazione un po’ diversa per il Parma. I Ducali sono finiti sotto la lente d’ingrandimento della Procura Federale dopo i messaggi di Calaiò a Masi prima della sfida contro lo Spezia. Difficile che possa essere chiesta una retrocessione, visto che in questo caso si dovrebbero disputare nuovamente i play-off. Possibile qualche punto di penalizzazione da scontare nel nuovo campionato e una lunga squalifica per l’attaccante giallo-blù, accusato di tentato illecito.

Esultanza Parma
La gioia dei giocatori del Parma (fonte foto https://twitter.com/tcmercatoit)

Saranno due settimane intense per la Serie A: oggi ci sarà il primo grado di giudizio, con le squadre che sono pronte a presentare il ricorso che sarà discusso entro i primi giorni della prossima settimana. Se dovesse essere confermata la condanna, per Chievo e Parma ci sarebbe l’ultima possibilità alla Cassazione del calcio. In questo caso la sentenza è attesa tra fine luglio e la prima settimana di agosto.

Di seguito il video con la partita incriminata tra Spezia e Parma

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio calcio news Chievo Verona Parma Serie A

ultimo aggiornamento: 17-07-2018


Atalanta, preso Pasalic: l’ex Milan arriva in prestito con riscatto a 15 milioni

Dalla Spagna, Kalinic a un passo dall’Atletico: si attende l’ok del Milan