Il presidente ucraino chiede giustizia per i crimini di guerra russi in un processo come quello di Norimberga

In collegamento con l’Onu, Volodymyr Zelensky ha chiesto un tribunale per Putin per processare i responsabili dei crimini atroci commessi a Bucha e a Borodyanka. Il presidente ucraino parla di istituire una nuova Norimberga come quella che giudicò e condanno tutti i gerarchi nazisti e tutti coloro che avevano collaborato con il Terzo Reich.

Dopo aver criticato il ritardo e le indecisioni dei paesi membri sulle sanzioni da adottare contro la Russia ha sottolineato l’atrocità dei crimini commessi dall’esercito russo. Le immagini di Borodyanka che sembrano ritrarre uno scempio maggiore di quello che le truppe russe hanno inflitto a Bucha, hanno spinto Zelensky ad chiedere un tribunale che condanni i responsabili.

Il procuratore generale ucraino ha contato circa 5mila crimini di guerra che saranno indagati. L’Ucraina è ferma nella volontà di trovare i responsabili di questi crimini e processarli. Anche se ci sono ostacoli per portare Putin o la Russia davanti al Tribunale dell’Aia, ci sono le condizioni per creare un nuovo tribunale come quello istituito a Norimberga per processare i gerarchi nazisti. Per Zelensky questi crimini sono peggiori di quelli commessi dalle SS durante la seconda guerra mondiale e devono essere giudicati.

Le parole del presidente Zelensky sono dure anche nei confronti della stessa Organizzazione delle Nazioni Unite. “Se avete solo parole vuote e non potete fare niente per noi, l’opzione è smantellare le Nazioni Unite”. Il presidente accusa l’Onu che “non sta dando le garanzie di sicurezza” che aveva richiesto. Inoltre, Zelensky ha più volte chiesto di escludere dall’organizzazione la Russia perché sarebbe assurdo che possa bloccare le decisioni che riguardano la sua guerra. “Il diritto di veto non può significare diritto a uccidere”, sottolinea.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole dure di Zelensky contro l’Onu

I crimini commessi dai russi sono agghiaccianti, stupri e violenze su donne, anziani e addirittura bambini. Lo scenario di Borodyanka è peggio di Bucha e non è finita. L’orrore dell’esercito russo non sembra destinato a fermarsi. Ci sono le prove video e le prove fisiche, la Russia non può continuare a negare e ne dovrà rispondere davanti ad un tribunale.

Zelensky chiede un’indagine “veramente imparziale e neutrale” ma invece “sembra che l’Occidente abbia semplicemente chiuso occhi e orecchie con i paraocchi e non vuole ascoltare nulla”. Continua la critica disperata del presidente ucraino che si ritrova il suo paese martoriato non solo per la guerra ma per azioni che sono bandite anche all’interno di una guerra.

Un professore inglese di diritto internazionale Sans sta raccogliendo le firme per chiedere che alle indagini sui crimini di guerra della Corte penale internazionale si affianchi un tribunale speciale per il crimine di aggressione compiuto dalla Russia. Per lui un tribunale simile a quello di Norimberga sarebbe possibile in tre mesi.  Quello che i giudici di Norimberga definirono il “crimine supremo” ovvero fare una guerra illegale, è semplice da provare.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-04-2022


Le figlie di Putin sanzionate da Ue e Usa

Navi russe nel Mediterraneo: cosa succede e perché puntano allo Ionio