Una infermiera è stata condannata per aver effettuato delle finte vaccinazioni ai bambini. Il processo ancora in corso.

ROMA – Il processo nei confronti di una infermiera per aver effettuato delle finte vaccinazioni ai bambini è ancora in corso. In attesa della decisione dei giudici dal punto di vista penale, i giudici hanno sancito una condanna a pagare 550mila euro in favore dell’Asl per quanto successo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il processo

Il processo, come riportato dal Corriere della Sera, è ancora in corso. L’infermiera è accusata di peculato, omissioni di atti d’ufficio e falsità in dichiarazioni.

In attesa di capire la sentenza dal punto di vista penale, i giudici hanno deciso di condannare la donna a pagare una multa da 550mila euro in favore dell’Asl per quanto fatto. Una multa che potrà essere applicata solamente nel caso in cui venisse riconosciuta la sua colpevolezza nei tre gradi di giudizio.

giustizia aula tribunali
giustizia aula tribunali

Il caso

Il caso, come detto, risale a diversi mesi fa. La Procura di Udine ha preso in esame 159 provette e di queste 153 sono risultate senza reazione al vaccino. Prove che sembrano confermare l’errore dell’infermiera, ma il processo è ancora in corso e non si è arrivati ad una sentenza definitiva su questa vicenda.

Notizia in aggiornamento

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 03-11-2021


Green Pass falsi, indagato Pippo Franco

Coronavirus, salta i concerti di Barenboim per un positivo. Cluster nel Padovano: contagio partito da un papà no vax