Processo Matacena, Scajola condannato a due anni di carcere dal Tribunale di Reggio Calabria. Assolto dall’accusa di mafia.

REGGIO CALABRIA – Processo Matacena, Claudio Scajola condannato a due anni di carcere dal Tribunale di Reggio Calabria. I giudici hanno accolto in parte la richiesta della Procura nei confronti dell’ex ministro che era di 4 anni e 6 mesi più la decadenza del ruolo di sindaco. Ma la caduta dell’accusa di mafia ha salvato il politico che è colpevole ‘solo’ di aver aiutato il parlamentare a sottrarsi ad una sentenza per concorso esterno con una fuga a Dubai.

Con lui condannata anche la moglie di Matacena, Chiara Rizzo, ad un anno di carcere. La richiesta in questo caso era stata di 11 anni e 6 mesi. Assolti tutti gli altri imputati.

La legale di Scajola: “Spazzata via l’aggravante della mafia”

La sentenza è stata commentata dalla legale di Claudio Scajola, Elisabetta Busuito, fuori il Tribunale di Reggio Calabria: “Spazzata via l’aggravante relativa alla fantascientifica ma infamante accusa di aver agevolato la ‘Ndrangheta – ha sottolineato l’avvocato citato da Repubblica si riparte da qui […]. Eravamo certi che la richiesta della Procura sarebbe stata rigettata. Siamo convinti delle nostre tesi e quindi puntiamo all’assoluzione […]“.

Parole che aprono ad un ricorso in Appello con il processo che non sembra essere destinato a finire qui.

Claudio Scajola
fonte foto https://www.facebook.com/claudioscajola/

Pronto il ricorso in Appello

Il legale di Claudio Scajola prepara il ricorso in Appello. Nessun passo indietro, quindi, da parte del sindaco di Imperia che ha ribadito la sua intenzione di conservare il proprio ruolo nella città ligure in attesa dei successivi gradi di giudizio.

L’obiettivo, come confermato anche dallo stesso legale, è quello di arrivare all’assoluzione definitiva entro la Cassazione. Non sarà semplice visto che in primo grado è stata riconosciuta l’accusa ma la Difesa dell’ex parlamentare è sicura delle proprie carte.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/claudioscajola/


Barriere protettive per Fontana di Trevi, arriva l’ok del Campidoglio

Coronavirus, rientra il caso sospetto a Parma