Processo Stefano Cucchi, spunta un nuovo testimone: “Non si reggeva in piedi”

L’avvocato della famiglia Cucchi spiega in conferenza stampa: “Le lesioni non erano lievi. Stefano non si reggeva in piedi”.

chiudi

Caricamento Player...

ROMA – In una conferenza stampa l’avvocato della famiglia Cucchi, Fabio Anselmo, ha presentato il nuovo processo che comincerà il prossimo 13 ottobre: “Speriamo di poter dimostrare a tutti che la giustizia può essere davvero giusta e uguale per tutti. Questa volta l’imputato non sarà Stefano Cucchi, ma sarà un processo serio per la verità. Pensiamo a quanti Stefano Cucchi non hanno avuto questa possibilità“.

L’avvocato Fabio Anselmo: “C’è un nuovo testimone”

L’avvocato Anselmo annuncia la presenza di un nuovo testimone “che si è fatto avanti alcuni giorni fa la cui deposizione è importante perché ci descrive uno Stefano particolarmente in difficoltà fisiche, aggrappato alle sbarre che non si reggeva in piedi, altro che lesioni dolose lievi”. “Il nuovo teste – continua il legale – descrive il clima in cui era costretto a vivere chi era depositario di una verità diversa da quella cosiddetta ufficiale. Non ha parlato perché era in carcere, a Regina Coeli“.

Presentata la terza edizione del memorial dedicato a Stefano Cucchi

Nella conferenza stampa odierna è stata presentata anche la terza edizione della maratona dedicata a Stefano: “Sarà – dice la sorella Ilaria – una festa. Abbiamo scelto il primo ottobre, la data di nascita di Stefano e non quella di morte perché vogliamo ricordarlo con il sorriso sulle labbra“.