Trattativa Stato-Mafia, il processo: la deposizione di Berlusconi a Palermo

Processo Stato-Mafia, Berlusconi non risponde ai giudici

Processo trattativa Stato-Mafia, la deposizione di Silvio Berlusconi, a Palermo nelle vesti di testimone. L’ex Presidene del Consiglio non risponde ai giudici.

Silvio Berlusconi è arrivato nell’aula bunker dell’Ucciardone di Palermo intorno alle undici di mattina dell’11 novembre. L’ex premier, chiamato a deporre davanti allo Corte d’Assise nel processo di secondo grado sulla trattativa Stato-Mafia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al momento dell’arrivo nell’aula bunker, i legali dell’ex premier hanno chiesto ai giornalisti presenti di non scattare foto e di non fare riprese.

Processo Stato-Mafia, Berlusconi non risponde ai giudici

Di fronte ai giudici, Silvio Berlusconi si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il Cavaliere ha evidenziato come la posizione gli sia stata suggerita dai legali. Nel caso in cui avesse deciso di rispondere alle domande in qualità di testimone, l’ex presidente del Consiglio avrebbe dovuto dire la verità.

Silvio Berlusconi
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/SilvioBerlusconi

Berlusconi indagato a Firenze

Indagato a Firenze sulle stragi del 1993, probatoriamente collegate ai fatti in questione nel processo Stato-Mafia, Berlusconi ha potuto avvalersi della facoltà di non rispondere. La scelta del leader di Fi è stata accompagnata come prevedibile dalle polemiche. In molti hanno sollevato dubbi sulla sua posizione nell’inchiesta delle autorità fiorentine ma anche nel caso per cui era stato chiamato a testimoniare dai legali di Marcello Dell’Utri.

Berlusconi complica la posizione di Dell’Utri

Il silenzio del Cav. complica ovviamente la posizione di Dell’Utri. La decisione del fu presidente del Consiglio era in realt facilmente pronosticabile. Anche dai legali di Dell’Utri, che all’inizio dell’udienza avevano chiesto alla corte di acquisire una dichiarazione dello stesso Berlusconi. Si tratta di un’intervista rilasciata il giorno della condanna a Dell’Utri. In quell’occasione Berlusconi dichiarò di non avere mai ricevuto minacce dalla mafia. I giudici della Corte hanno respinto la richiesta di proiettare il contenuto in questione.

ultimo aggiornamento: 11-11-2019

X