Processo tributario telematico: scopri tutte le novità

Grandi novità in arrivo per il processo tributario telematico: scopriamo di cosa si tratta e sopra tutto come funziona…

chiudi

Caricamento Player...

Dallo scorso 15 luglio il Processo Tributario Telematico è diventato operativo presso tutte le Commissioni tributaria, anche se al momento risulta essere ancora facoltativo. Scopriamo insieme come funziona e cosa si può fare…

Processo tributario telematico

Il processo tributario telematico pur essendo ancora facoltativo presenta a tutti gli effetti il suo valore legale una volta depositato. Si può decidere per il ricorso telematico anche se la controparte intende seguire il percorso tradizionale. Al momento con il PTT, processo tributario telematico, è possibile:

  • far notificare ricorsi ed appelli;
  • presentare costituzione in giudizio;
  • depositare atti e documenti informatici successivi alla costituzione in giudizio;
  • consultare liberamente il fascicolo processuale e estrare e copie degli atti.

Per avere acesso alla piattaforme online del Sistema Informativo della Giustizia Tributaria è necessario avere un collegamento ad internet, essere in possesso di una casella PEC e di una firma digitale e di registrarsi all’applicativo PTT.

Come funziona?

Come funziona il Processo tributario telematico? La costituzione in giudizio viene richiesta online collegandosi alla piattaforma SIGT. Una volta nell’area online, l’avvocato avrà a disposizione una scrivania virtuale dove potrà decidere la Commissione e il tipo di procedura. Compilato il form con tutti i dati identificativi del procedimento, dovrà allegare i file e inviare il ricorso e/o appello. Importante: l’atto deve essere un file nativo digitale in formato PDF/A né firmato né scansionato. La procura si redige con un atto firmato per via digitale dal contribuente assistito se in possesso di firma digitale o direttamente dall’avvocato. Una volta inviato si riceve una ricevuta, anche se è necessario attendere il rilascio di un numero di RGR e RGA rilasciato dopo una serie di controlli della durata di circa 4/5 minuti. In caso di errore il sistema comunica il tutto sia all’interno della scrivania che con l’invio di una mail all’indirizzo PEC.certificato_unicasim