Una coppia di Rimini è finita a processo per violenza sessuale su minori. Davanti ai giudici i due si sono dichiarati innocenti.

RIMINI – Possibile nuovo caso di violenza sessuale a Rimini. Come riportato da Il Resto del Carlino, una coppia è finita sotto processo con l’accusa di abusi nei confronti di due bambini che all’epoca avevano rispettivamente 4 e 2 anni. Secondo l’accusa la donna avrebbe sfruttato il ruolo di baby sitter per dare attenzioni ai minorenni. Insieme a lei successivamente si sarebbe aggiunto anche il marito.

La denuncia è partita dalla madre dei due bambini che hanno notato dei comportamenti non usuali dei figli. Il processo è iniziato il 15 marzo 2019 dove sono stati ascoltati sia il pubblico ministero che le parti civile. I due imputati si sono sempre professati innocenti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Coppia a processo per violenza sessuale a Rimini, denuncia fatta dai genitori

La vicenda è stata raccontata dall’edizione odierna (16 marzo 2019) de Il Resto del Carlino. Il quotidiano riporta del processo iniziato nella giornata di ieri con la coppia che è stata ascoltata dai giudici insieme al pubblico ministero e alle parti civili. I due si sono sempre dichiarati innocenti ma la testimonianza dei ragazzini in questo senso potrebbe essere decisiva.

Le indagini sono partite dopo la denuncia da parte dei genitori delle presunte vittime. Il padre e la madre hanno notato dei comportamenti non usuali dei figli e così hanno preferito raccontare tutto ai carabinieri. Secondo una prima ricostruzione la donna era la baby sitter dei piccoli e ha sfruttato questo ruolo di fiducia per abusare di loro. Successivamente a queste violenze si sarebbe aggiunto anche il marito.

Il processo continuerà nei prossimi giorni quando è attesa la sentenza da parte del tribunale di Rimini. Possibile che in caso di colpevolezza i legali della coppia presentino ricorso in secondo grado.

fonte foto copertina https://twitter.com/marziadegiuli


Attentato in Nuova Zelanda, il Viminale avvia il monitoraggio per evitare emulazioni

Morte Imane Fadil, nel sangue nessun livello tossico. Ora si attende l’autopsia