Stellantis è pronta a produrre in Inghilterra furgoni e van elettrici. Si attendono le decisioni sull’Italia.

TORINO – Stellantis è pronto a produrre in Inghilterra furgoni e van elettrici. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, la multinazionale ha deciso con un investimento da 100 milioni di sterline sull’impianto Vauxhall di Ellesmere Port per convertirlo.

Si tratta di una scelta molto importante anche in ottica post Brexit soprattutto per chiarire meglio anche gli equilibri dell’auto britannica. E con questa decisione la Gran Bretagna si candida ad essere un polo produttivo di veicoli elettrici. Una decisione destinata ad essere anche fondamentale per il rilancio di un mercato che continua ad essere in difficoltà per la pandemia.

Attesa per le decisioni sull’Italia

Stellantis è pronta a prendere decisioni anche sulla questione italiana. Molto probabilmente l’impianto di Melfi subirà una conversione per continuare a produrre veicoli elettrici e il giorno in rosso sul calendario è quello dell’8 luglio. C’è grande curiosità di capire come si comporterà la multinazionale sulle scelte del nostro Paese, anche se il cammino non è per nulla semplice.

La pandemia ha messo in difficoltà l’intero settore e questi cambiamenti potrebbero portare a rilanciare un settore messo in ginocchio dall’emergenza coronavirus. E la seconda parte dell’anno sarà fondamentale per la ripartenza dell’intero mondo delle quattro ruote.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Logo Stellantis
fonte foto comunicato stampa

Stellantis in ripresa rispetto al 2020

La prima parte dell’anno per Stellantis si è chiusa in positivo rispetto al 2020. Sicuramente il trend positivo sembra essere strettamente legato al lockdown e i prossimi mesi saranno fondamentali per capire come andrà la multinazionale.

La ripartenza nell’anno della pandemia, infatti, è avvenuta alla fine delle misure restrittive e per questo il secondo semestre sarà decisivo per capire il trend della multinazionale. E sicuramente la speranza resta quella di una ripartenza per mettersi alle spalle il momento complicato dovuto anche alla pandemia.

fonte foto copertina comunicato stampa


Foodinho (Glovo), multa da 2,6 milioni di euro da parte del Garante della Privacy

Borse 6 luglio, Milano chiude in rosso. Stabile lo spread