Ipotesi promossi con il debito in caso di scuole chiuse. Possibile inizio anticipato dell’anno scolastico 2020/2021.

ROMA – Ipotesi promossi con il debito in caso di scuole chiuse. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, il Ministero dell’Istruzione potrebbe decidere di dare la possibilità a tutti gli alunni di superare l’anno senza rischiare ricorsi al Tar.

Le bocciature, infatti, potrebbero portare ai reclami da parte degli stessi studenti. A questo punto l’ipotesi più probabile è quella di promuovere tutti anche se le insufficienze devono essere recuperate nella prima parte dell’anno scolastico. I ragionamenti sono in corso e non si arriverà ad una soluzione nel giro di pochi giorni.

Il problema della Maturità

Da risolvere anche il problema degli esami di Maturità. Anche in questo caso le ipotesi al vaglio del Ministero sono diverse. Al momento, l’unica cosa certa è la presenza di una commissione interna con il solo presidente esterno per semplificare la prova degli studenti.

Possibile anche un cambio del format con il solo scritto di italiano e il secondo giorno assorbito dall’orale. Insomma, un esame molto più snello per consentire a tutti gli alunni di affrontare senza ansie particolari la Maturità. Si tratta, comunque, di ipotesi solo in caso di un non rientro a scuola.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Esame maturita
Fonte foto: https://www.facebook.com/Ssmlpisa/

A scuola prima del previsto

La fine anticipata della scuola potrebbe portare ad un inizio del prossimo anno scolastico prima del previsto. Non si hanno conferme ma il Ministero potrebbe decidere di anticipare ai primi giorni di settembre il ritorno tra i banchi e uniformare il giorno per tutta Italia senza le consuete differenze che vengono fatte solitamente.

Le linee guida da seguire saranno pubblicate nei prossimi giorni ma una cosa è certa: prima di maggio difficilmente le scuole riapriranno.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Emergenza coronavirus, in Catalogna si sceglie chi intubare e chi no

Vent’anni fa moriva Tommaso Buscetta, primo grande pentito di mafia