E’ fatta per la promozione in Serie A della Salernitana. Ora il presidente Lotito è costretto a vendere le sue quote.

SALERNITANA – E’ fatta per la promozione della Salernitana di Serie A. Dopo una stagione da protagonista, i campani sono ritornati nella massima serie a distanza di 23 anni dall’ultima volta, ma l’iscrizione potrà essere completata solamente dopo la cessione della società da parte di Claudio Lotito.

Il regolamento, infatti, non consente ad un presidente di essere proprietario di due squadre che giocano nello stesso campionato e nel prossimo mese deve completarsi la cessione per non rischiare di vede svanire il ritorno nella massima serie.

La festa

A 23 anni di distanza la Salernitana ritorna in Serie A. Un campionato che ha visto i campani protagonisti nella prima parte e nella fase finale del campionato cadetto. Proprio l’accelerazione nelle ultime partite ha consentito ai ragazzi di Castori di avverare il proprio sogno e festeggiare la promozione.

Un secondo posto che poteva arrivare anche senza una vittoria visto che il Brescia ha vinto 2-0 sul campo del Monza, l’altra pretendente alla promozione diretta. Nelle prossime ore la squadra di Castori tornerà in Campania da Pescara e saranno molto i tifosi pronti ad accoglierla per omaggiarla.

Claudio Lotito
Claudio Lotito

Lotito ora deve vendere

Una promozione che diventerà realtà solamente nelle prossime settimane. Il regolamento della Figc non consente ad un imprenditore di avere la proprietà di due squadre che militano nello stesso campionato. Un mese di tempo per Claudio Lotito per vendere le proprie quote e consentire ai campani di potersi iscrivere alla Serie A.

Saranno giorni di molta apprensione per i tifosi. Il sogno diventerà realtà solamente nel mese di giugno e già nelle prossime ore Lotito dovrebbe iniziare a prendere i contatti con altri imprenditori per la cessione della società. Un passaggio obbligato per consentire ai granata di giocare la Serie A.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 10-05-2021


Juve avanti con Pirlo. Ma preoccupa il monito di Gravina: “Via dalla Serie A se non si ritira dalla Superlega”

Superlega, la Juve rischia l’esclusione dalla Serie A