Salario minimo, PD sfida il M5s: la proposta dei democratici

E’ sfida PD-M5s sul salario minimo. La sinistra ha presentato una proposta in Senato che accoglie le richieste dei sindacati e delle associazioni d’imprese.

ROMA – Il Partito Democratico rilancia sul salario minimo. Secondo quanto riportato dal sito di La Repubblica, in queste ore la sinistra ha presentato in Senato una nuova proposta di legge che porta la firma di Tommaso Nannicini.

In questo disegno vengono accolte tutte le richieste fatte nei giorni scorsi dai sindacati e dalle associazioni d’imprese. Non viene fissata una cifra di salario minimo generale e per legge ma viene riconosciuto un valore legale ai minimi contrattuali che sono già previsti dai vari Contratti collettivi nazionali. E saranno proprio le parti sociali a definire il salario minimo che a questo punto si applica al quel 15% di dipendenti che non sono coperti dalla contrattazione nazionale.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti (fonte foto: https://www.facebook.com/nicolazingaretti)

Salario minimo, la nuova proposta del PD. Zingretti: “La nostra legge ristabilisce il giusto punto di equilibrio”

La proposta del Partito Democratico viene spiegata nei dettagli dal segretario Nicola Zingaretti: “Il nostro disegno di legge – dichiara – aggredisce finalmente questo grande tema del lavoro povero ma, come chiedono le associazioni sindacali, difende la contrattazione collettiva e rispetta i contratti collettivi nazionali. Salario è solo la parte economica, ma nel contratto collettivo ci sono anche altre forme di criteri. La legge che abbiamo presentato è fondata sul criterio dell’ascolto delle forze sindacali e ristabilisce il giusto punto di equilibrio“.

Più duro, invece, il capogruppo al Senato dei democratici: “Questo tema – sottolinea Marcucci – è sparito dall’agente del Parlamento. I 5Stelle raccontano solo bugie“.

Salario minimo, il PD sfida il M5s

Il Partito Democratico ha presentato la proposta in Senato. Difficilmente questo disegno di legge arriverà in Parlamento, visto che la maggioranza in Commissione dovrebbe bocciare l’idea della sinistra sull’introduzione di un salario ‘base’.

ultimo aggiornamento: 09-05-2019

X