Nuova protesta dei dipendenti di Alitalia. Centinaia di persone davanti a Palazzo Chigi contro il piano Ita.

ROMA – Nuova protesta dei dipendenti di Alitalia. I lavoratori, al grido “Alitalia non si tocca“, si sono dati appuntamento a Piazza San Silvestro e subito dopo hanno raggiunto Palazzo Chigi per continuare la loro manifestazione. Tra i partecipanti al corteo anche molte hostess in divisa ma con le catene ai polsi per manifestare il proprio dissenso contro il piano Ita.

La situazione davanti alla Presidenza del Consiglio è abbastanza tranquilla, ma in mattinata sono stati registrati degli scontri tra i manifestanti e la polizia a Piazza San Silvestro.

Lazzerini: “La situazione è tragica”

Le trattative tra Governo e Ue su Alitalia continua, ma il quadro complessivo continua ad essere molto critico. In audizione l’amministratore delegato di Ita, Fabio Lazzerini, ha parlato di una “situazione tragica perché i dipendenti non riescono a prendere lo stipendio in tempo“.

Anche ad aprile sono stati registrati i ritardi. I commissari di Alitalia ha confermato che gli stipendi saranno pagatinon appena verranno erogati gli indennizzi previsti a sostegno dell’emergenza Covid-19″. E la situazione non sembra essere destinata a migliorare almeno fino a quando non ci sarà la ripartenza.

Alitalia
Alitalia

Obiettivo luglio

Come riportato dal Corriere della Sera, l’obiettivo del Governo è quello di far partire la nuova compagnia il 1° luglio per sfruttare il traffico estivo. Per riuscire a raggiungere questo traguardo, però, c’è bisogno di una accelerazione in tempi brevi.

Il quadro continua ad essere sempre critico ed è alto il rischio di un nuovo slittamento della partenza. Un rinvio che potrebbe portare la nuova compagnia ad iniziare in salita questa avventura. Molte delle concorrenti, infatti, sono pronte a ripartire e sfruttare il traffico estivo per mettersi alle spalle il momento difficile della pandemia, emergenza che ha messo in ginocchio l’intero settore.


Roma, ambulanti bloccano il Raccordo per protestare contro la direttiva Bolkestein. Raggi: “Inaccettabile”

Il team di Valentino Rossi in MotoGP dal 2022