Nuova protesta dei No Tav in Val di Susa. Scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. Due militari rimasti feriti.

TORINO – Nuova protesta dei No Tav in Val di Susa. La ripresa dei lavori nel cantiere di Chiomonte ha riacceso la tensione tra i manifestanti e le forze dell’ordine.

Un gruppo di 250 manifestanti ha raggiunto il cancello del sentiero Gallo-Romano e lanciato petardi e bombe carta contro i reparti mobili presenti sul posto. I militari hanno risposto con lanci di lacrimogeni.

Protesta No Tav in Val di Susa

Dopo giorni di calma apparente, è ritornata la tensione in Val di Susa. Nella prima domenica (13 dicembre) dopo la ripresa dei lavori, un gruppo di manifestanti ha raggiunto il cantiere di Chiomonte e lancianto bombe carta e petardi contro le forze dell’ordine.

La risposta dei reparti mobili, come riportato dall’Ansa, è arrivata attraverso il lancio di lacrimogeni. Il bilancio di questi scontri è di 2 feriti tra i militari. La situazione sembra essere tornata alla normalità poco dopo, ma non si escludono nelle prossime settimane ulteriori proteste da parte degli attivisti.

No Tav
No Tav

A Torino manifestazione Sì Tav

A Torino è andata in scena una manifestazione dei sì Tav. “Questa città – ha detto Mino Gioachino, fondatore del Movimento – sarà bellissima se ci sarà lavoro e speranza per tutti. Altrimenti sarà bellissima solo per quella parte di città che sta bene […]. Siamo in piazza a fronte dei ripetuti attacchi al cantiere del futuro. La Tav è l’opera del futuro, che rilancerà il lavoro in Val di Susa, a Torino e nel Paese“.

L’attivista ha criticato i No Tav: “Dire di no a questa opera vuol dire rifiutare lavoro e la speranza di futuro. Invito ai giovani che vanno a protestare davanti al cantiere a mettere le loro energie insieme alle nostre per costruire il futuro, perché noi rappresentiamo la società civile che vuole modificare le cose non la società civile dei salotti“.


Autostrade aveva architettato una truffa ai danni dello Stato

Ajax, Quincy Promes arrestato per aggressione