Ottava medaglia per l’Italia agli Europei di Scherma 2018. Gli azzurri della sciabola maschile hanno perso in finale contro l’Ungheria.

NOVI SAD (SERBIA) – L’Italia ha concluso con un argento gli Europei di Scherma 2018. Sulla pedana di Novi Sad il quartetto della sciabola maschile si è fermato in finale perdendo nettamente contro l’Ungheria (45-33), due volte campione europeo.

Gli azzurri (Luigi Samele, Enrico Berré, Aldo Montano e Luca Curatoli n.d.r.) erano riusciti nell’impresa in semifinale di rimontare la Germania con un parziale di 12-4, approdando alla finalissima per una sola stoccata (45-44) ma non si sono ripetuti nella gara per le medaglie. Nella prima sfida di giornata a cedere il passo agli italiani era stata la Georgia (45-41).

Europei Scherma 2018, nuova delusione per la spada femminile

Se la sciabola maschile esulta, nuova delusione per la spada femminile che ha confermato le difficoltà avute in tutta la stagione. L’argento olimpico Rossela Fiamingo, Mara Navarria, Giulia Rizzi ed Alberta Santuccio si sono fermate ai quarti di finale perdendo con un secco 45-35 contro la Francia, che ha conquistato il titolo europeo. Nella sfida di esordio le azzurre avevano superato Israele (45-29).

La competizione per i colori italiani si è conclusa con otto medaglie. Un bottino che conferma la nazionale tra le migliori in chiave europea anche se è mancato qualche titolo dal punto di vista individuale. L’unico oro è arrivato dalla prova a squadre del fioretto femminile. Appuntamento ora al Mondiale, dove alcuni atleti sono chiamati alla riscossa.

Di seguito il video con alcune dichiarazioni da Novi Sad

Europei Novi Sad2018 -ZONA MEDAGLIA – 21 giugno

Europei Novi Sad2018 -ZONA MEDAGLIA – 21 giugno

Pubblicato da Federazione Italiana Scherma su Giovedì 21 giugno 2018

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ConiNews/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Europei Scherma 2018, primo titolo per l’Italia: oro per il fioretto femminile

Volley, Nations League 2018: Italia battuta dalla Russia. Final Six più lontane