Punti patente, come funziona il nuovo sistema a punti

Patente a punti, tutto quello che c’è sapere sul nuovo sistema meccanico entrato in vigore il 1 luglio del 2003

chiudi

Caricamento Player...

Patente a punti, tutto quello che c’è sapere sul nuovo sistema meccanico entrato in vigore il 1 luglio del 2003: quanti punti abbiamo, come si perdono, come si recuperano e i bonus disponibili.

Patente a punti

La patente a punti ha indubbiamente cambiato le abitudini degli automobilisti italiani. Il sistema meccanico, introdotto il 1 luglio del 2003, ha apportato delle modifiche importanti e sostanziali alla licenza di guida introducendo i cosiddetti “punti patente”. La patente si comporta come una sorta di carta ricaricabile su cui in partenza vengono riconosciuti 20 punti. Il numero dei punti è destinato a cambiare a seconda del comportamento dell’automobilista se commette o meno infrazioni del Codice della Strada. Ad ogni infrazione, infatti, corrisponde una decurtazione dei punti patente che parte da 1 fino ad un massimo di 10 punti. Per esempio: in caso di guida contromano verranno sottratti ben 10 punti dal saldo patente, mentre per il guidatore che utilizza i fari in maniera impropria saranno sottratti 1 punto.

Infrazioni alla guida

Chi dovesse compiere più infrazioni nello stesso momento potrà subire la decurtazione di ben 15 punti, ma attenzione perchè se è prevista la sospensione o revoca della patente è possibile anche azzerare tutti i punti. I punti della patente solitamente vengono scalati al proprietario del veicolo che ha commesso l’infrazione. Qualora alla guida non ci sia il proprietario, ma una persona diverse è importante comunicare il nome della persona in modo che la decurtazione punti ricada su chi guidava il veicolo. Nel caso non fosse possibile risalire al conducente è riconosciuta una sanzione variabile dai 263 ai 1050 euro senza alcuna sottrazione di punti dalla patente. Attenzione: per tutti i neopatentati che hanno conseguito la patente da meno di 3 anni le decurtazioni dei punti raddoppiano. Per chi, invece, non commette infrazioni è previsto un bonus di 2 punti ogni 2 anni fino ad un massimo di 30 punti.