Punti patente semaforo rosso

Ogni infrazione del Codice della Strada corrisponde ad una decurtazione sui punti patente: ecco cosa succede se passi con semaforo rosso

chiudi

Caricamento Player...

Quando si è alla guida della propria auto è importante prestare attenzione alla segnaletica stradale in modo da non incorrere in sanzioni sia di natura economica che di decurtazione di punti dalla patente. Dal 2003, infatti, è arrivata in Italia la patente a punti pensata per dissuadere gli automobilisti più inflessibili nel rispettare il Codice della Strada. Nel momento in cui si commette un’infrazione l’automobilista viene non solo multato, ma viene ridotto anche il numero dei punti patente inizialmente caricata con 20 punti.

Hai passato al semaforo col rosso?

Ti è capitato di passare al semaforo col rosso? Allora prima di tutto non fermarsi ad un semaforo rosso rappresenta un’infrazione del Codice della Strada e come tale viene sanzionato. Peraltro le multe per il passaggio con semaforo rosso sono davvero pesanti essendo un’infrazione che potrebbe causare potenziali rischi prima di tutto per l’auto che oltrepassa il semaforo con segnale rosso, ma anche per gli altri veicoli e per i pedoni. Come tale il passaggio con semaforo rosso viene sanzionato con una multa di circa 162 euro che aumenta a 200 euro se l’infrazione è stata commessa nella fascia oraria serale dalle 22 alle 7 del mattino.

Quanti punti?

Il passaggio con semaforo rosso comporta non solo una pesante sanzione economica, ma anche una decurtazione dei punti dalla patente. Si tratta di ben 6 punti che arrivano a salire sino a 12 se a compiere l’infrazione è stato un neopatentato. Oggigiorno le multe e le infrazioni nei pressi del semaforo rosso vengono rilevate con il moderno Photored F17, un dispositivo fotografico che la Polizia Stradale installa nei pressi dei semaforo. Va precisato che si tratta di un dispositivo meccanico e come tale non è infallibile; proprio per questo motivo dal 18 marzo 2004 è fondamentale l’omologazione di questi dispositivi fotografici presso il Ministero delle Infrastrutture per assicurare la legittimità delle multe che vengono inviate automaticamente. E’ richiesto, infatti, che il dispositivo scatti almeno due foto della vettura nel momento dell’infrazione.