Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha parlato della dipendenza di alcuni Paesi europei dal gas russo.

Il gas russo è uno dei temi più caldi legati alla guerra in Ucraina. In seguito all’invasione delle terre del popolo di Volodymyr Zelensky, il presidente russo Vladimir Putin è stato colpito da ben sei pacchetti di sanzioni da parte della Nato. Tali pacchetti includevano sanzioni pecuniarie dirette verso i fedelissimi di Putin, pignoramento di beni di lusso tra cui yacht ed edifici sparsi in tutta Europa, e tanto altro. Il nodo fondamentale delle ultime settimane, però, è il possibile embargo al gas russo. L’Ue sta discutendo da tempo riguardo la fattibilità di questa misura, ma il presidente della Russia Vladimir Putin sembra pensare che l’embargo al gas russo sia una misura troppo deleteria per alcuni Paesi Ue, estremamente dipendenti da tale fonte di energia.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del presidente della Russia

“Alcuni paesi europei non possono rinunciare al petrolio della Russia”. Queste le parole del leader del Cremlino, Vladimir Putin, durante un incontro con i giganti del petrolio, evidenziando che l’Occidente “cerca di scaricare su di noi” la responsabilità dell’aumento dei prezzi dell’energia. “(L’Europa) ci cita per nome, cercando di nascondere i propri errori sistemici”. Queste le dichiarazioni di Putin.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

“I paesi europei continuano a introdurre nuove sanzioni sui mercati del petrolio e del gas. Tutto questo sta portando all’inflazione, ma invece di ammettere i propri errori, stanno cercando qualcuno da incolpare, ha continuato il leader del Cremlino. Le decisioni adottate dall’Ue e “le dichiarazioni su una piena rinuncia alle fonti energetiche russe”, secondo Putin, “hanno già causato un aumento dei prezzi del petrolio”.

Stando alle parole del leader del Cremlino, gli europei riconoscono che non possono rinunciare completamente alle risorse energetiche russe ed è anche ovvio che alcuni paesi dell’Ue in cui la quota di idrocarburi russi è particolarmente alta, per molto tempo non saranno in grado di rinunciare alla nostra energia”. Qualora si verificasse effettivamente un embargo al petrolio russo, “l’Europa sarà la regione con il più alto costo dei prezzi dell’energia”, secondo il presidente della Russia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 17-05-2022


La Svezia ha chiesto ufficialmente di entrare nella Nato

Ricciardi: “Mascherine a scuola? Non è opportuno toglierle”