Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha parlato del proprio arsenale. Nel dettaglio, del temibile missile Sarmat.

La guerra continua. Giunti ormai quasi al quarto mese di ostilità, non sembra ci sia alcuna possibilità di fermare il conflitto. Né Vladimir Putin né Volodymyr Zelensky sono interessati a ripartire con i negoziati. Da ciò, le ostilità potrebbero diventare più dure rispetto alla situazione attuale. L’annuncio del presidente russo va in questa direzione: il missile Sarmat sarà pronto entro fine anno, e potrebbe essere usato presto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del presidente russo

“Hanno avuto successo i test del missile balistico intercontinentale pesante Sarmat. È previsto che alla fine dell’anno sarà in servizio di combattimento”, ha dichiarato Putin in un incontro al Cremlino assieme ai diplomati dell’Accademia militare della Russia. La Russia non cesserà di “sviluppare e di rafforzare le sue forze armate tenendo conto di potenziali minacce e rischi, alla luce delle lezioni dei moderni conflitti armati”, ha dichiarato Putin, durante l’incontro con i cadetti.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Dovremo utilizzare la robotica, i più recenti mezzi di comando e ricognizione, droni – ha detto Putin, stando a quanto riportato dalla Tassdovremo sviluppare attivamente armi basate su nuovi principi fisici. Sto parlando di armi laser, elettromagnetiche e di altro tipo. Ovviamente l’intenso addestramento al combattimento e la pratica della cooperazione con i nostri alleati continueranno.

Ma cosa aveva detto precedentemente Putin sul Sarmat? Il missile in questione, stando alle parole del presidente, “è in grado di volare 20 volte più veloce del suono e cambiare continuamente quota di crociera e questo lo rende assolutamente invincibile rispetto a qualsiasi forma di difesa missilistica di aria e terra”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 21-06-2022


Palù: “Omicron 5 può sfuggire anche a quarta dose”

Bertolini: “No ad invio nuove armi a Kiev, urge negoziato”