PuzzlePhone, un telefono modulare pronto per il mercato

PuzzlePhone è uno smartphone modulare che oggi, dopo un paio di anni di incubazione, annuncia una campagna su IndieGoGo.

chiudi

Caricamento Player...

L’idea che gli smartphone siano oggetti monolitici in cui, per ogni guasto, bisogna ricorrere a costosi interventi o sostituzioni non piace a tutti. La startup PuzzlePhone però ha trasformato il suo disappunto in un prodotto che, uscito dalla fase di progettazione, sta per diventare un prototipo vendibile e raggiungere il mercato. Il mezzo scelto è quello della campagna di crowdfunding, sulla celebre piattaforma IndieGoGo, che verrà lanciata presto. PuzzlePhone non è il primo concept di smartphone modulare che viene proposto in rete, ricordiamo che esiste anche il Project Ara di Google, tuttavia ha alcune peculiarità che lo rendono interessante.

Modulare ma essenziale

Mentre Project Ara punta molto sulla possibilità di personalizzare lo smartphone usando moduli diversi e incoraggiando gli sviluppatori di terze parti a progettare i propri, PuzzlePhone si avvicina al concetto di modularità in modo essenziale. I componenti che formano il telefono sono tre: cervello, spina dorsale e cuore. Il cervello contiene l’elettronica fondamentale, per esempio processore e RAM, la spina dorsale è costituita da scocca e display mentre il cuore contiene la batteria e gli eventuali componenti aggiuntivi. L’idea, in fondo, è semplice: se rompiamo il display, possiamo salvare l’elettronica, così come se la batteria inizia a perdere colpi, possiamo conservare processore e schermo. E se il telefono inizia ad essere troppo lento ma lo schermo è ancora ottimo, possiamo conservare questo e la batteria, ogni volta spendendo circa un terzo di quello che spenderemmo per cambiare telefono del tutto. Un’idea interessante e con risvolti green e sostenibili. Quasi tutti i telefoni che dismettiamo infatti, contengono componenti che avrebbero ancora molti anni di vita. Poter cambiare solo quello che diventa obsoleto o si rovina dovrebbe, nelle intenzioni di PuzzlePhone, ridurre notevolmente gli sprechi.

Fonte foto copertina: PuzzlePhone