Volete sapere quali sono le categorie che hanno diritto all’esenzione dalla dichiarazione dei redditi? Qui vi diciamo quali sono

Se dovete fare la dichiarazione dei redditi per l’anno solare 2016 è possibile che rientrate in uno dei molti casi che prefigurano il diritto all’esenzione, ovvero quelle persone fisiche esonerate dal presentare la dichiarazione dei redditi.

IN QUALI CASI SI HA DIRITTO ALL’ESENZIONE?

Un caso che da diritto all’esenzione è quando, dopo aver effettuato i dovuti conti, emerga un’imposta dovuta che non supera i 10,33 euro. L’esonero si può ottenere anche quando si possiede solo l’abitazione principale e altri fabbricati non locati, perché nel caso in cui questi locali siano situati tutti nello stesso comune si sarà esenti dal dichiarare i redditi. Anche quando si possiede un reddito da lavoratore dipendente o pensionato oltre ad avere un abitazione principale, insieme ad altri fabbricati non locati non si dovrà presentare la dichiarazione dei redditi. Per chi lavora con dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa sarà garantita l’esenzione dalla dichiarazione dei redditi.

CI SONO ALTRI MOTIVI DI ESONERO DALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI?

Quando si possiedono dei redditi esenti, come le rendite erogate dall’Inail per l’invalidità permanente o per la morte, si avrà diritto all’esenzione. Insieme a questi due casi anche le borse di studio, le pensioni di guerra, le pensioni privilegiate e tutte gli altri redditi dell’Inail saranno altresì esenti. Come lo saranno tutti i redditi soggetti ad imposta sostitutiva e i redditi soggetti a ritenuta a titolo di imposta.

PER CHI ALTRO È PREVISTA?

L’esonero è previsto anche per chi, nel momento della presentazione della dichiarazione, possiede terreni o fabbricati con un redditi massimo di 500 euro, oltre che per chi è un lavoratore dipendente con reddito fino a 8.000 euro. I pensionati che vivono di sola pensione hanno diritto all’esenzione se il reddito non supera i 7.500 euro, mentre nel caso in cui siano proprietari di un abitazione andranno aggiunti un massimo di 185,92 euro. Un altro motivo di esonero è nel caso si percepisca l’assegno periodico dal coniuge con un massimo annuo di 7.500 euro, senza tener conto dell’assegno periodico destinato ai figli.

certificato_unicasim

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
abitazione dichiarazione dei redditi esenzione pensione tetto massimo

ultimo aggiornamento: 03-01-2017


Che cos’è la dichiarazione dei redditi precompilata?

Scadenza modello 730 precompilato