Svizzera-Italia, Roberto Mancini in conferenza stampa: “Non ci saranno particolari stravolgimenti. Serve l’apporto di tutti”.

BASILEA (SVIZZERA) – Vigilia di Svizzera-Italia per Roberto Mancini. Il commissario tecnico italiano in conferenza stampa ha presentato tutte le insidie di questa sfida.

Svizzera-Italia, la conferenza stampa di Roberto Mancini

In conferenza stampa Mancini ha confermato il problema al ginocchio per Verratti. “Marco ha preso una botta – ha detto il ct riportato da tuttomercatoweb.com ma sta meglio e decideremo solamente dopo la rifinitura. In generale non ci saranno stravolgimenti. Pellegrini? Lorenzo per noi è un giocatore importante, ma io lo vedo più offensivo di Verratti“.

Per il commissario tecnico un ritorno anche sulla partita contro la Bulgaria: “La squadra è abbastanza tranquilla. Siamo consapevoli di aver perso due punti, ma abbiamo la qualità per vincere contro la Svizzera e sono certo che se giochiamo come sappiamo si può vincere. Sarà comunque una partita difficile come lo sono sempre state le altre […]. Se noi domani tiriamo 27 volte e concediamo un’azione la gara non può finire 1-1. Il gol di Locatelli non è stato casuale, ma a me piacciono tutte le reti fatte. C’è da fare un contropiede bisogna farlo, le gare si vincono anche così“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Roberto Mancini
Roberto Mancini

Svizzera-Italia, la conferenza stampa di Giorgio Chiellini

In conferenza stampa anche Giorgio Chiellini. “Per noi quella contro la Svizzera – ha ammesso il capitano azzurro – è una gara molto importante e non credo che sarà decisiva. E’ molto importante non perdere, ma in caso di pareggio o vittoria non sarà sicuramente determinante. Noi dobbiamo essere lucidi […]. Dobbiamo ricordare che all’Europeo la sfida fu equilibrata almeno fino alla rete di Locatelli”.

Il difensore ha parlato anche del suo futuro: “I due anni sono più per evitare di discutere anno in anno. Mi godo il momento e non mi pongo obiettivi. Vado avanti giorno dopo giorno“.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 04-09-2021


Afghanistan, l’appello del bambino a Leo Messi: “Ti prego, salvami da questa situazione”

Juve, morto a soli 17 anni Bryan Dodien. Pogba: “Non ti dimenticherò mai”