Svolta da Bruxelles, quanto costa telefonare all'estero (nell'Ue)

Svolta da Bruxelles, le telefonate internazionali (nell’Ue) costano meno

Svolta nel mondo della telefonia: le telefonate internazionali (nell’Unione europea) si pagano di meno. Ecco quanto costa telefonare all’estero.

Quanto costano le telefonate internazionali? Per i cittadini europei ci sono buone notizie. Dal 15 maggio entrano infatti in vigore le nuove norme che regolamentano i costi delle telefonate internazionali all’interno dell’Unione europea. Grazie al provvedimento proposto e approvato a Bruxelles, gli operatori telefonici dovranno attenersi al tetto massimo fissato dall’autorità europea.

Le norme sono state inserite nel Codice europeo per le telecomunicazioni lo scorso mese di dicembre ma è stato concesso tempo agli operatori per adeguarsi alle nuove condizioni di uso.

Bruxelles, da mercoledì tetti fissi per le telefonate internazionali nell’Unione europea

Secondo la nuova normativa disposta dall’Unione europea, gli operatori telefonici saranno obbligati a fissare un prezzo tetto massimo sia per quanto riguarda la rete fissa che per quanto riguarda la rete mobile.

Unione Europea
Fonte foto: https://pixabay.com/it/vectors/europa-dell-unione-europea-bandiera-155191/

Quanto costa telefonare all’estero (nell’Unione europea)

I costi, inclusa l’iva, non potranno superare i diciannove centesimi (ovviamente al minuto) per quanto riguarda le telefonate, mentre non potranno superare i sei centisimi per quanto riguarda i cari vecchi SMS, soppiantati dalle applicazioni per la messaggistica istantanea.

La nuova svolta porterà a una riduzione dei costi per le telefonate internazionali. Tradotto in termini pratici, le persone all’estero per motivi di vacanza, studio o lavoro, ad esempio, non dovranno più fare i conti con le tariffe particolarmente esose. Inoltre non dovranno andare alla ricerca di promozioni last minute per rimediare qualche minuto o qualche messaggio a basso costo.

La seconda svolta dopo l’abolizione dei costi di roaming

Il provvedimento segue la prima svolta avvenuta nel mondo della telefonia mobile, Dal 2017 la commissione competente aveva stabilito l’abolizione dei costi di roaming. Inoltre era stato deciso che i le persone che avevano sottoscritto abbonamenti per applicazione di tv, video e musica potessero accedere ai servizi anche all’estero.

ultimo aggiornamento: 14-05-2019

X