Ilnur Zakarin conquista la tredicesima tappa del Giro d’Italia 2019. Scintille tra i big con Landa che rientra in classifica.

CERESOLE REALE (TORINO) – La tredicesima tappa del Giro d’Italia 2019 ha rispettato le aspettative della vigilia con una ‘battaglia sportiva’ sulle strade del Piemonte. A Ceresole Reale trionfa Ilnur Zakarin al termine di una lunga fuga. Il russo con uno scatto nel finale riesce a precedere di 35″ Mikel Nieve.

I big – La battaglia c’è stata anche per la classifica generale. Il migliore è stato Mikel Landa che con 1’20” di ritardo dal vincitore rientra pienamente in classifica. Bene anche Richard Caparaz (4° a 1’38”) e Bauke Mollema (5° a 1’45”). Qualche scaramuccia tra Vincenzo Nibali e Primoz Roglic che chiudono con un ritardo da 2’57” dal vincitore. Il siciliano al termine della tappa si dice ‘stufo’ del comportamento dello sloveno. 10° Davide Formolo. Sfortunato Miguel Angel Lopez che per l’ennesimo problema meccanico chiude in 11° posizione a 4’19”. Crolla, invece, Simon Yates (17° a 5′). Jan Polanc resta in Rosa (15° a 4’39”).

Jan Polanc in Rosa – Uno straordinario Jan Polanc è riuscito a difendere la maglia Rosa. Lo sloveno ora ha un vantaggio di 2’25 sul connazionale Primoz Roglic e di 2’56 su Ilnur Zakarin. Il migliore degli italiani resta Vincenzo Nibali (5° a 4’09”). Le altre classifiche: Maglia Ciclamino (leader Classifica a Punti) Arnaud Démare; Maglia Azzurra (leader Classifica GPM) Giulio Ciccone. Maglia Bianca (leader Classifica dei Giovani) Pavel Sivakov.

Jan Polanc
Jan Polanc (fonte foto comunicato stampa)

Le dichiarazioni – Molto contento al termine della frazione Ilnur Zakarin: “Non avevo un piano preciso. L’obiettivo della fuga era rientrare in classifica poi quello che è successo è stata una sorpresa. Sono contento e nei prossimi giorni proverò a prendere la maglia“. Un obiettivo non semplice da raggiungere visto che Jan Polanc non ha nessuna intenzione di mollare: “Sapevo di non riuscire a tenere la ruota dei migliori ma sono contento di essere ancora in Rosa. Non penso di riuscire ad arrivare a Verona ma vedremo giorno per giorno“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Giro d’Italia 2019, 14^ tappa: Saint-Vincent-Courmayeur (131 km)

Non si riposa un attimo al Giro d’Italia 2019. La quattordicesima tappa da Saint-Vincent a Courmayeur (131 km) potrebbe dare un nuovo scossone alla classifica visto che non c’è nemmeno un chilometri di pianura.

Di seguito il video con le interviste nel dopo tappa

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 24-05-2019


Atletica, Tortu vola a 9’97” ma il vento non gli consente di firmare il record italiano

Chi è James Harden, la stessa NBA vittima di razzismo