Raduno Milan 2018, Gattuso e Mirabelli in conferenza stampa

Ecco le dichiarazioni rilasciate dal tecnico Gattuso e dal ds milanista Mirabelli nel giorno del raduno Milan 2018.

Raduno Milan 2018, Gennaro Gattuso e Massimiliano Mirabelli in conferenza stampa. L’allenatore e il direttore sportivo rispondono alle domande dei giornalisti presenti a Milanello nel giorno in cui la squadra e lo staff rossonero si sono ritrovati per iniziare la nuova stagione.

La parola passa subito a Gattuso: “Bisogna guardare al futuro, abbiamo cambiato poco ma sono sicuro che qualcuno arriverà. Dobbiamo ripartire con entusiasmo, gli alibi si mettono da parte. Siamo qui per sudare e lavorare. Le problematiche ci sono, ma abbiamo il dovere di preparare la stagione al meglio”.

Ancora mister Rino sugli ultimi cinquanta giorni: “Dico sempre la verità, non sono stati facili per me. Ma posso garantire che ho passato di peggio in società diverse, sono abituato. Ho sentito tante che i giocatori vogliono andare via, ma ad oggi nessun calciatore è venuto da me. Forse qualche procuratore, ma io non parlo coi procuratori. Ripartiamo da una base importante, vedremo se questa squadra verrà rafforzata o no”.

Gennaro Gattuso
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Raduno Milan 2018, Mirabelli: “Abbiamo una squadra giovane”

Il ds Mirabelli ha parlato del futuro del club: “Dobbiamo pensare positivo, perché prima di pensare a quello che potrà avvenire, dobbiamo pensare di avere un gruppo giovane, il terzo più giovane in Europa. Dobbiamo partire da queste, da una squadra giovane con una anno d’esperienza, con giocatori giovani che si sono adattatati. I ragazzi possono lavorare dal primo giorno col metodo Gattuso. Io sono molto positivo rispetto alla prossima stagione, non guardo quello che succede sopra. Dobbiamo guardare solo il campo”.

Gattuso è la certezza di questo Milan: “Sento pressione – afferma l’allenatore – ma non mi fa paura. Da solo posso fare ben poco, questa è una società storica. La società che ci rappresenta oggi ha avuto difficoltà, ma non ci ha mai fatto mancare nulla. Il presidente non sta tutti i giorni a stretto contatto e diventa tutto più difficile. Dobbiamo onorare questa società e fare di tutto per farla funzionare al meglio. Mi sento il primo tifoso, l’allenatore, mi sento tutto”.

Sempre Rino sulla squadra e il mercato in entrata: “La base è importante, per rinforzare la squadra Mirabelli e Fassone sanno la tipologia di giocatori che mi piacciono. Spero che arrivi qualcuno perché penso ce ne sia bisogno. Sono consapevole che le altre squadre, che erano già forti, si sono rinforzate”.

Suso
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/ACMilan

Mercato Milan, Suso resta in rossonero: parola di Mirabelli

Con Mirabelli si parla dell’acquisto di un top player: “Nessun giocatore e nessun agente è venuto a dirci di voler lasciare il Milan. Dovremmo fare un mercato a saldo zero. Vediamo quello che riusciamo a fare, abbiamo idee in entrata e in uscita, ma non abbiamo la necessità di fare cessioni importanti a meno che qualcuno non ci dica di voler andare via”.

Sul possibile passaggio di Suso all’Inter, ecco le parole del direttore sportivo: “Per quanto mi riguarda, i procuratori possono parlare con le società. Io posso escludere categoricamente che vada all’Inter. Ha una clausola per l’estero ma ha sempre dichiarato di voler rimanere al Milan e noi confidiamo in questo. Escludo che possa andare all’Inter”.

Gattuso parla del reparto da rinforzare: “Ho sempre detto che ci vuole un’alternativa all’attaccante esterno, una mezz’ala con le stesse caratteristiche di Kessie. Abbiamo Bacca, Kalinic, André Silva e Cutrone, quattro attaccanti. Se non si muove nessuno, l’attaccante non si fa e si va alla ricerca degli altri ruoli”.

Massimiliano Mirabelli Jack Wilshere Arthur Melo Hector Herrera Lorenzo Pellegrini Milan Lillo Guarneri Domingos Quina Joao Felix
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Raduno Milan 2018, Gattuso e Mirabelli in conferenza stampa

L’aspetto psicologico è importante e mister Rino lo sa bene: “La paura più grande in questi 50 giorni, non vedendo i giocatori, è stata non poterli pizzicare sull’orgoglio. L’obiettivo è prepararci con la testa, che l’Europa si giocherà, se non la faremo pazienza, andremo alla ricerca di altri stimoli. Ma con la testa oggi dobbiamo pensare che giocheremo l’Europa League”.

L’Europa League, ovviamente, può cambiare il budget a disposizione per il mercato. Ecco il pensiero di Mirabelli: “È normale che la partecipazione o meno comporta più o meno entrate. Si può fare qualcosa in più o in meno. Come ha detto Rino l’abbiamo conquistata sul campo e speriamo che nessuno la tolga. Mancando l’Europa League ci si deve inventare qualcosa in più”.

Gennaro Gattuso, nel corso della conferenza stampa in occasione del raduno Milan 2018, si sofferma su Donnarumma e Reina: “Chi sta meglio gioca, meglio avere due grandi portieri che non averli. Starà a me la difficoltà di scegliere, ma va bene così”.

A proposito di portieri, uno (Gigio Donnarumma?) potrebbe partire. La parola a Mirabelli: “Noi non andiamo a svendere i giocatori. Abbiamo tanti calciatori all’attenzione di tante società. Uscirà qualcuno soltanto se si troverà l’accordo del mister, in caso di trattativa avanzata sarà lui a dire si o no a una cessione”

Il direttore sportivo parla ancora di mercato: “Sappiamo quali sono le idee del mister, ma il nostro lavoro è preparare più alternative, sperando arrivi un tempo in cui si possono chiudere le prime scelte. Ne abbiamo preparate almeno una decina in ogni ruolo”.

André Silva
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Mercato Milan, rossoneri a caccia di rinforzi per l’attacco

Gattuso torna a parlare dei suoi attaccanti: “È il campo che parlerà. Io spero che Bacca arrivi con la voglia di sudare e non con la voglia di andar via per forza. Se rimane qua deve rimanere come dico io e non come dice lui. Su Cutrone so quello che mi può dare. André Silva si deve dare una svegliata, ha le caratteristiche, è un buon giocatore, quello che ha fatto quest’anno non basta. Non si sa chi partirà titolare. Nella mia testa so quello che mi possono dare i quattro attaccanti che abbiamo a disposizione. I movimenti che fa Kalinic, per pulizia e attacco di profondità, li fa solo lui. Gli altri hanno caratteristiche diverse”.

Massimiliano Mirabelli si sposta su Alen Halilovic, l’ultimo acquisto (fin qui) del mercato rossonero, presente ovviamente al raduno Milan 2018: “Penso lo conosciate tutti. Si parlava un tempo che fosse un grande talento e ora si parla di talento perduto. È una piccola scommessa per vedere cosa Rino riesce a restituire di questo talento che un tempo era grande e ora si è perso”.

Anche Gattuso dice la sua su Halilovic: “Lo vedo mezz’ala, con caratteristiche totalmente diverse da Kessié. Non sto scherzando, qualche partita da mezz’ala l’ha fatta. Meno incursioni di corsa ma con qualità tecniche. Se si mette a posto può fare bene”.

Ancora Mirabelli sulla possibili di acquistare un big: “Bisogna vedere cosa vuol dire big. È normale che nel momento in cui arrivano i giocatori debbano far fare il salto di qualità alla rosa. Il big deve essere un giocatore importante. Mercato tanto per fare non lo facciamo. La cosa fondamentale è che sia nei ruoli sia nella scelta che proporremo sarà concordato con il consenso del mister”.

Alen Halilovic
fonte foto https://twitter.com/acmilan

Milan, Gattuso: “Mercato? Non dobbiamo prendere tanto per prendere”

Anche Rino parla di mercato, argomento che interessa molto ai tifosi: “Non c’era bisogno di andare al Mondiale per vedere i giocatori. Era giusto che andassimo. Non dobbiamo prendere tanto per prendere, dobbiamo prendere giocatori funzionali che possano garantire un miglioramento. Chi arriva deve avere caratteristiche tecniche e umane ben precise. Tanti trascurano l’aspetto caratteriale, come vive il calciatore, che carattere ha. A questo do una grande importanza, devo lavorarci e guardarlo negli occhi”.

Gennaro Gattuso parla del suo momento: “Qui grazie a Dio sto facendo solo l’allenatore, in altre esperienze ho fatto di più rispetto all’allenatore. Da due giorni mi sento meglio perché sono qui, preparo gli allenamenti e tutte le ansie mi passano. Il momento più brutto è stato quando ero da solo, dopo il dovere coi figli e la moglie iniziavo a rompere le scatole a Mirabelli”.

Una considerazione di Gattuso sul caso Kalinic, espulso dalla sua Nazionale nel corso del Mondiale: “Ha sbagliato solo un aspetto. Lui ha sempre sofferto a livello di pubalgia. Quando è andato via di qua, non è stato onesto col suo allenatore. Quando becchi un tecnico sanguigno che pensa che devi andare sempre a 1000 all’ora è venuta fuori questa problematica. Ho parlato con lui. Non è facile allenarlo, ma è molto sensibile, non porta rancore. Quando chi lo circonda gli parla sempre in faccia si sa comportare. L’errore più grande che ha fatto è non essere stato onesto col suo allenatore”.

Per quanto riguarda l’attaccante del prossimo anno, Rino non ha dubbi: “Ce l’abbiamo ed è Patrick Cutrone. Ad oggi con gli attaccanti siamo a posto. Se non esce qualcuno i nostri centravanti saranno questi”.

Marco Fassone Mercato Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Milan, Massimiliano Mirabelli: “Non ci aspettavamo questa situazione”

Mirabelli pone l’accento sull’attuale situazione del club rossonero. Il raduno Milan 2018 è decisamente diverso, per entusiasmo e partecipazione dei tifosi, rispetto a quello dell’estate scorsa: “Nessuno se lo aspettava. Avremmo lavorato in maniera più serena senza queste problematiche. Ma questo non dobbiamo trasformarlo in alibi. Rappresenteremo sempre il Milan. Dobbiamo solo pensare a fare il meglio possibile. Questa società ha lottato e giocato per cose importanti. Non vogliamo, nonostante le problematiche, fare percorsi diversi”.

Il direttore sportivo affronta anche il tema dei rinnovi: “Dei ragazzi che dobbiamo rinnovare ne è rimasto solo uno del settore giovanile. Ora ci sono giocatori con contratti abbastanza lunghi e tra qualche mese ci metteremo al tavolo con altri, come Bonaventura, per tenerli più possibile al Milan”.

Sempre nel corso della conferenza stampa organizzata in occasione del raduno Milan 2018, Gattuso ha parlato del suo rapporto con Mirabelli: “Siamo una coppia che lavora dalla mattina alla sera, i confronti sono di rispetto. Si fanno le cose per il bene del Milan. Si può sbagliare, ma prima di sbagliare ci pensiamo, ci guardiamo, ci insultiamo, a volte in dialetto calabrese, a volte in inglese perché abbiamo iniziato a parlare anche in inglese”.

Rino torna poi su Carlos Bacca: “Ha un prezzo, la società gliel’ha dato. Se non si trovasse un accordo farebbe parte della rosa. Spero arrivi con impegno e lo terrò in considerazione. Se si allenasse bene lo prenderei in considerazione, ha fatto 18 gol col Villareal, perché non tenerlo? Se ha bisogno di coccole gliele faccio”.

Massimiliano Mirabelli Simone Edera Calciomercato Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Mercato Milan, Mirabelli: “Non vogliamo illudere i tifosi”

Mister Gattuso chiude la sua conferenza stampa parlando dell’obiettivo stagionale: “Trovare la tranquillità societaria, sia i nostri tifosi che chi lavora nel Milan. Vivere la quotidianità con tranquillità, dobbiamo sperare questo. Sugli obiettivi dobbiamo cominciare a lavorare, metterci entusiasmo. La Champions è difficile: pensiamo a cominciare, sbagliamo il meno possibile e vedremo dove arriveremo, anche col tipo di mercato che si farà”.

Un grande nome in attacco, i tifosi sperano. Ecco le dichiarazioni in merito di Massimiliano Mirabelli “Noi non abbiamo mai fatto nomi per illudere qualcuno. Nel momento in cui uscirà qualche attaccante dovrà arrivarne uno superiore a quelli che abbiamo e funzionale al gioco che ha in mente Rino. Abbiamo la consapevolezza di conoscere i calciatori e le dinamiche di mercato. Ci secca, però, dire quale giocatore i tifosi debbano sognare. Dobbiamo stare con i piedi per terra e i tifosi devono sapere che qui c’è qualcuno che lavora ventiquattro ore su ventiquattro per il bene del Milan”.

Ecco il video della conferenza di Gattuso e Mirabelli in occasione del raduno Milan 2018:

#TheDevilsareBack: la conferenza stampa di Gattuso e Mirabelli

#TheDevilsareBack 😈Rino Gattuso e Massimiliano Mirabelli sono i protagonisti della prima conferenza stampa della stagione 2018/19 🗣English audio 👉🏻 www.youtube.com/acmilan

Pubblicato da AC Milan su Lunedì 9 luglio 2018

ultimo aggiornamento: 09-07-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X