Manchester, uccisa una ragazza bresciana di ventisei anni. Le autorità avrebbero già fermato due soggetti sospettati dell’omicidio della giovane.

Giallo a Manchester, dove è stata trovata morta una ragazza di ventisei anni di Brescia. Lala Kamara, bresciana di origini senegalesi, è stata trovata senza vita in un appartamento.

Manchester, uccisa ragazza italiana di ventisei anni

La ventiseienne è stata trovata senza vita in un appartamento di Manchester. La polizia, stando a quanto riferito dai media britannici, avrebbe già fermato due soggetti sospettati dell’omicidio della ragazza bresciana.

Leicester Police
Fonte foto: https://www.facebook.com/leicspolice/

Media britannici, fermati due soggetti sospettati dell’omicidio della giovane

Si tratterebbe di un ragazzo di 21 anni e di un altro di 25. I due sarebbero sospettati dell’omicidio della ventiseienne, uccisa nel proprio appartamento di Manchester. Stando alle prime ipotesi (non confermate ovviamente dalle fonti investigative) si pensa che chi ha ucciso la giovane potesse conoscerla e per questo sarebbe riuscito a entrare nell’appartamento.

Chi era Lala Kamara

Lala Kamara aveva lasciato l’Italia per trasferirsi a Manchester dove aveva iniziato a lavorare come infermiera. La ragazza avrebbe dovuto iniziare a breve un nuovo lavoro dopo aver vinto un concorso proprio come infermiera, coronando così il suo sogno. La giovane si era mantenuta facendo lavori occasionali e continuando a studiare per i concorsi.

Proprio quando il sogno era diventato realtà, la vita della giovane è stata tragicamente spezzata. Ora spetta agli inquirenti fare luce sulla tragica morte della ventiseienne.

La sua famiglia vive ancora a Brescia, dove è stata raggiunta dalla tragica notizia della morte di Lala. Il padre, come riportato dall’Ansa, ha fatto sapere di non avere informazioni dettagliate sulla morte della figlia.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
brescia esteri evidenza manchester

ultimo aggiornamento: 12-03-2019


Perde l’aereo per due minuti di ritardo: la storia dell’uomo scampato alla tragedia del boeing 737

USA, la Procura di New York indaga sulla Trump Organization