Un ragazzo di 16 anni è stato arrestato in Sardegna con l’accusa di aver violentato una donna.

SASSARI – E’ stato arrestato dai carabinieri un ragazzo di 16 anni in Sardegna con l’accusa di aver violentato una donna. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il giovane avrebbe abusato della 40enne in una zona poco fuori il centro abitato della Maddalena.

Nelle prossime ore sarà ascoltato dal magistrato che dovrà confermare il fermo in carcere stabilito dalla Procura in un primo momento. Indagini in corso per cercare di capire se il fermato in passato è stato autore di altri gesti simili.

16enne tunisino arrestato in Sardegna

Il 16enne tunisino è stato fermato dai carabinieri de La Maddalena dopo la denuncia presentata dalla donna. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima sarebbe stata aggredita in una zona isolata poco fuori dal centro abitato mentre stava facendo jogging.

Il giovane è stato portato in carcere e nelle prossime ore il magistrato dovrebbe interrogarlo per confermare la misura cautelare disposta dalla Procura subito dopo il fermo. Gli inquirenti presto potrebbero risentire anche la donna per cercare di capire cosa è realmente successo in quella zona che si trova un po’ fuori dal centro di La Maddalena.

Carabinieri coronavirus
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Indagini in corso

Sono in corso tutti gli accertamenti del caso per accertare meglio la vicenda e capire se il ragazzo in passato è stato protagonista di altri episodi simili. Il 16enne era ospite di un centro della zona. Nelle prossime ore dovrebbero essere ascoltati anche i responsabili della struttura visto che non sono escluse altre violenze.

La vicenda ha sconvolto l’intero centro de La Maddalena visto che episodi simili non accadono tutti i giorni. La donna stava facendo jogging, attività permessa in questa ‘fase 2’ quando è stata aggredita alle spalle e abusata dal 16enne di origine tunisina.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/


E’ morto l’editore Giulio Savelli, aveva 78 anni

Coronavirus, impennata di contagi in Molise. Colpa di un funerale celebrato dalla comunità rom?