Un ragazzo di 18 anni è morto a Caserta al culmine di una lite. Individuato il presunto aggressore.

CASERTA – Ancora una vittima causata dalla movida violenta. Nelle prime ore di domenica 29 agosto 2021 un ragazzo di 18 anni è morto all’ospedale di Caserta dopo una lite. Secondo quanto riportato da Sky TG24, il giovane è stato colpito da un fendente alla gamba e per lui non c’è stato niente da fare.

Gli inquirenti hanno già individuato il presunto aggressore e sono in corso tutti gli approfondimenti per accertare il movente di questa tragedia. La Procura potrebbe decidere di emettere un mandato di custodia cautelare nei confronti del giovane.

La lite

Gli inquirenti stanno cercando di capire il movente di questa tragedia. Dalle prime informazioni, la lite è avvenuta in pieno centro cittadino nella notte tra il 28 e il 29 agosto 2021. Al culmine della discussione, nata molto probabilmente per uno sguardo di troppo, il giovane ha estratto un coltello e colpito alla gamba il suo rivale.

Le condizioni sono sembrate subito molto gravi e i medici lo hanno trasportato d’urgenza in ospedale, ma il decesso è avvenuto poco dopo per un arresto cardiocircolatorio, provocato dalla perdita di sangue. Una notizia che ha sconvolto l’intera Campania, con il giovane che era molto conosciuto a Marcianise perché frequentava una palestra di boxe.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo. Le telecamere di sicurezza dei locali hanno permesso agli inquirenti di individuare il responsabile. Si tratta di un coetaneo della vittima, ma non si conosce ancora il motivo del gesto compiuto nella notte tra il 28 e il 29 agosto.

Sono in corso tutti gli accertamenti del caso anche per capire se in passato tra i due c’erano stati altri litigi oppure se si trattava di una prima volta.


Il giornalista Fabrizio Nonis e il figlio aggrediti da ultrà del Verona dopo Hellas-Inter

Papa Francesco sull’Afghanistan: “In momenti come questi non possiamo rimanere indifferenti”