Un ragazzo di 19 anni è morto annegato alle porte di Pisa. Il giovane era in acqua insieme a quattro amici.

PISA – L’estate è ormai arrivata e iniziano le prime tragedie in mare. Nel pomeriggio di giovedì 10 giugno un ragazzo di 19 anni è morto annegato alle porte di Pisa mentre si trovava in acqua con alcuni suoi amici. Secondo quanto riportato dai media locali, la corrente ha spostato la comitiva al largo e per uno di loro non c’è stato niente da fare. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo del giovane per accertare meglio le cause della morte.

E’ stata aperta un’indagine e cercherà di capire quanto successo. I punti da chiarire sono diversi anche se per ora l’ipotesi più probabile resta quella di un malore.

Tragedia a Tirrenia, morto un 19enne

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, i cinque si sono buttati in acqua per trascorrere un pomeriggio insieme. Le condizioni meteo non ottimali, però, hanno portato il gruppo di ragazzi un po’ troppo al largo.

Immediata la richiesta di aiuto da parte dei protagonisti di questa vicenda. Per quattro di loro è stato decisivo l’intervento dei bagnini. Per il 19enne, invece, non c’è stato niente da fare. Il personale medico, nonostante oltre 40 minuti di operazioni di soccorso, hanno potuto constatare solamente il decesso del giovane.

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

La Procura di Pisa ha aperto un’indagine per accertare meglio la dinamica di quanto successo. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia sul corpo del giovane per capire le cause del decesso. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un malore ma solamente gli accertamenti medici potranno confermare questa prima ricostruzione.

Da parte degli esperti il consueto invito alla prudenza soprattutto in questa prima parte di stagione estiva dove le condizioni meteo continuano ad essere molto incerte.


Firenze, Denis Verdini condannato a 3 anni e 10 mesi per bancarotta

Incidente sul lavoro a Ostia, operaio morto in un cantiere nautico