Un ragazzo di 13 anni è stato travolto e ucciso da un trattore nell’Avellinese.

MONTEVERDE (AVELLINO) – Tragedia in provincia di Avellino. Nel pomeriggio di lunedì 27 aprile 2020 un ragazzo di 13 anni è stato travolto e ucciso da un trattore. Inutili i soccorsi con il personale medico che non ha potuto fare altro che constatare la morte dell’adolescente. La Procura ha aperto un’inchiesta per cercare di ricostruire meglio la dinamica di questo che sembra essere un incidente.

Sotto shock il padre della vittima che si trovava alla guida del mezzo agricolo.

Ragazzo morto in provincia di Avellino

Era a bordo del trattore con il padre il 13enne quando il mezzo improvvisamente si è ribaltato con il giovane che è stato travolto e ucciso. Immediata la chiamata ai soccorsi ma al loro arrivo non c’era più niente da fare. I medici hanno potuto solo constatare la morte del piccolo con i vigili del fuoco che sono intervenuti per liberare il corpo.

L’incidente molto probabilmente è stato provocato dalla pendenza del sentiero anche se sono in corso gli accertamenti per ricostruire quanto accaduto nella serata di lunedì 27. Sotto shock l’intero paesino campano con la tragedia avvenuta in piena emergenza coronavirus. Nelle prossime ore il magistrato potrebbe svolgere l’autopsia sul corpo del giovane.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Seconda tragedia in pochi giorni

Si tratta della seconda tragedia in pochi giorni. Lunedì 20 aprile una bambina di quattro anni è stata travolta e uccisa a Riscone Brunico da un trattore. Un incidente molto simile a quello accaduto nell’Avellinese.

Un doppio episodio che ha sconvolto i due piccoli centri italiani che ormai da diverse settimane sono in quarantena per l’emergenza coronavirus con due ragazzini che hanno perso la vita mentre si trovavano a bordo di un mezzo agricolo con il padre e con il nonno.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Il nuovo Ponte di Genova. Conte, ‘Lo Stato non ha mai abbandonato la città’

Il coronavirus soffre il caldo umido