Rai, la commissione di Vigilanza boccia Foa

Rai, la commissione di Vigilanza blocca Foa. Non c’è la maggioranza, si astengono FI, Pd e LeU.

Rai, Foa non passa in commissione di Vigilanza. L’organo che controlla la televisione pubblica ha respinto la nomina presentata dal governo frenando così la nomina a direttore della televisione di Stato.

Rai, niente maggioranza per Foa in commissione di Vigilanza

Foa ha raccolto ventidue voti su ventitré schede consegnate. Un voto nullo per scheda bianco e astenuti i rappresentanti di Forza Italia, Pd e Liberi e Uguali. Non bastano i voti raccolti per la nomina visto che il regolamento richiede la maggioranza di due terzi sui voti totali, ossia ventisette su quaranta. Nonostante la maggioranza ottenuta nel Cda della Rai, Foa non è una candidatura valida in quanto quello della commissione di Vigilanza è un verdetto vincolante.

Marcello Foa
fonte foto https://www.facebook.com/MarcelloFoa/

Occhi puntati sulla coalizione di Centrodestra

Ora i riflettori sono tutti puntati sulla coalizione di Centrodestra che rischia di crollare dopo la linea dura tenuta da Silvio Berlusconi. Matteo Salvini aveva fatto sapere che avrebbe guardato con attenzione la posizione del suo alleato che, se si fosse schierato dalla parte del Pd, avrebbe dato un chiaro segnale. E il chiaro segnale è arrivato. Il leader di FI ha ricordato a Salvini che la coalizione esiste e che sarebbe opportuno confrontarsi su alcuni temi caldi come quello della presidenza della televisione pubblica. Il vice-premier è andato avanti per la sua strada (tracciata con Di Maio) e ha messo Berlusconi nella peggiore delle situazioni. Ora tutti hanno un pretesto per far saltare il tavolo del Centrodestra, solo che Salvini ha anche i numeri per partecipare da leader alle prossime elezioni. Quando ci saranno.

fonte foto https://www.facebook.com/MarcelloFoa/

ultimo aggiornamento: 01-08-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X